Passa ai contenuti principali

Follia?


Le visite ad Arles e a Saint Remy m'hanno fatto appassionare a Van Gogh.
Vidi un suo quadro, "I mietitori di grano", al Museo D'Orsay, a Parigi, moltissimi anni fa. Nulla di ciò che era esposto lì era paragonabile a quel piccolo dipinto, che attrasse subito il mio sguardo. Poi, Van Gogh, l'ho incontrato di nuovo ad Amsterdam, al Rijksmuseum. Ma lui non amava affatto l'Olanda e quelle sale, piene del suo genio, mi confusero: poi, solo dopo, ho capito perché. Van Gogh è un autore che va preso a piccole dosi. I suoi colori, la luce accecante dei suoi quadri, fanno davvero male. In realtà, ferisce l'acutezza del suo sguardo senza filtro. (L'espressionismo, di cui fu un anticipatore, fu in questo guardare al mondo senza patetico, per poi restituircelo intero, con l'unica mediazione della sua sensibilità). Ho avuto la fortuna di leggere "Follia?", di Giordano Bruno Guerri.
Consiglio a tutti questo bellissimo libro, che si fa leggere e appassiona. Guerri ama Van Gogh e ce lo fa vedere in tutta la tensione creativa che lo avvolse e che permeò il suo destino. Soprattutto, sa restituirci il suo dolore, la sua incompresa genialità, la sua assoluta solitudine, attraverso pagine sentite e raffronti come quello con La nausea di Sartre. Van Gogh dovette scegliere, come spesso accade alle persone dotate e sensibili, tra la genialità e le mediazioni di una vita mediocre. La sua vocazione fu, in realtà, tensione verso l'assoluto, percezione intensa delle cose, consapevolezza del destino dell'uomo. Non riuscì, come altri - e penso a Cezanne - a trovare una terza via, una strada possibile, un uso del mondo. A trentasette anni, quando gli sembrò di aver tentato tutte le strade, si sparò un colpo di pistola nella pancia, dopo essersi sdraiato in una fossa di letame. Morì due giorni dopo, tra atroci dolori, solo come aveva vissuto.


La vigna rossa, uno dei suoi dipinti più belli





In questa foto, la stanza della pensione Ravoux, dove Van Gogh morì

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…