Passa ai contenuti principali

Premio Impresa donna, edizione 2012: il mio intervento sulle donne-streghe. In memoria di Pasquale Massaro.

“Essere imprenditrici di se stesse, rifare l’esistente. Di questo vorrei parlare a donne come voi, esempio concreto – e attuale – di ciò che si puòfare. Questa di autodeterminarsi è una qualità che, anche in condizioni avverse, le donne hanno sempre saputo manifestare, nella loro vita. Ho scritto un testo, anni fa, dedicato a Bellezza Orsini.
Era una serva (faceva, come dice lei stessa nel corso della sua deposizione, la cucina per Madonna Jacoba Orsini) e sapeva leggere e scrivere. Cosa davvero inusuale, per i tempi. Prova ne é che poté redigere, aiutata dal figlio, nel corso del processo, un autodafé, un’autodifesa. Nella quale, più che discolparsi, si mostrò fiera ed orgogliosa del ‘mestiere’ che aveva appreso: quello di curare, appunto, con le erbe, e di legare le ossa rotte. E, ancora, di far nascere bambini, oltre che di guarire ‘ogni infirmità’. Questa fierezza rappresentò, naturalmente, un inciampo: apparve chiaro, ai giudici, che la donna non solo era un’herbaria, ossia una strega, ma che non era affatto pentita di aver esercitato il mestiere in cambio di denaro e companatico. La stessa fierezza, dopotutto, che la porterà alla morte per sfuggire alle torture. Aveva tentato un riscatto, imparato una professione che era quella di medichessa – ed era una delle più potenti della Sabina – e di levatrice. La sua storia – dovette pensare – si concludeva lì, doveva esser lei a decidere come. Si uccise, infatti, trafiggendosi la gola con un chiodo. Prima di lei, dopo di lei, molte altre donne hanno sperimentato se stesse in campo medico. Mettevano in pratica un lascito che si tramandava di donna in donna: la stessa Bellezza dovette molto alla sua madrina, Lucia da Ponzano, che le insegnò quasi tutto e che le disse, infine: ‘“Tua è la scelta. A volte agirai per il bene, altre per il male, sempre opererai per l’umanità”. La storia femminile è piena di esempi di riscatti e sconfitte nel settore della medicina, che è poi quello della cura degli altri.

Le donne sono accuditive per natura, si sono spesso sperimentate come guaritrici e sono state, in questo campo, come dicevo all’inizio, vere e proprie imprenditrici di se stesse. Ma chi erano quelle che sfidavano il mos maiourum e che, senza dipendere da un uomo, si guadagnavano da vivere? Una risposta alla domanda “chi erano le streghe?” ce la fornisce Michelet: “Per mille anni, l’unico medico del popolo fu la strega. Gl’imperatori, i re, i papi, i più ricchi baroni, avevano alcuni dottori di Salerno, mori, ebrei, ma la massa di ogni stato, e si può dire il mondo, non domandava parere che alla Saga, o Donna saggia. Se non riusciva a guarirli, la ingiuriavano, le davano della strega. Ma in generale, per una reverenza mista di timore, la chiamavano Buona donna o bella donna, con lo stesso nome che si dava alle fate. Accadde a lei quel che accade ancora alla sua pianta favorita, la Belladonna, ed ad altri veleni salutari ch’ella usava, e che furono l’antidoto dei tremendi flagelli del Medioevo. Il fanciullo, il passeggero ignorante maledice quei fiori tetri prima di conoscerli. Lo spaventano con i loro ambigui colori. Egli indietreggia, s’allontana. Eppure sono le Consolanti, le quali somministrate con discrezione, hanno sovente guarito, sopito tanti mali. Voi li trovate ne’ luoghi più sinistri, isolati, malfamati, presso le casupole, tra le macerie. E anche in ciò somigliano a colei che ne faceva uso”.
La letteratura è piena di questi stereotipi, come saprete benissimo. Donne a cui non è mai stata resa giustizia. La questione mi ha sempre appassionata e, perciò, mi sono voluta occupare di streghe. Queste storie ‘al femminile’ andrebbero tutte rivisitate, riscritte, perché sia consentito alle loro protagoniste un riscatto e perché certe vicende vengano finalmente valorizzate. La letteratura potrà riconsegnare quei volti di donna a una storia, che è quella dell’imprenditoria femminile e non solo.

Un’altra famosa medichessa fu Lucrezia Geminiani, toscana. Venne processata su denuncia anonima: quando fu portata alle carceri tutto il popolo, stando alle sue deposizioni, l’aveva accusata chiamandola “strologa”. Era una tipa in gamba, invece, capace di fare da balia ai bambini e molto considerata anche a Valmaggiore e a Firenze. Nella sua deposizione Lucrezia fece riferimento, con orgoglio, alla pluriennale attività di balia di figli di donne abbienti, nonché di ostetrica. Tra il 1400 e il 1500, infatti, era pratica comune, tra i notabili, quella di affidare l’allattamento dei bambini alle balie, poiché si riteneva che la madre non potesse avere rapporti sessuali per diciannove mesi per non “guastare” il latte: questa astinenza, ovviamente, non permetteva alle coppie di avviare nuove, necessarie gravidanze. Lucrezia, dunque, aveva allattato ed allevato molti bambini fino a divenire non più solo balia e levatrice ma anche guaritrice, cosa che attirerà su di lei notevoli sospetti. Non era un medico e, in più, era una donna: inconcepibile che arrogasse a sé delle qualità e delle conoscenze che non le spettavano. Giunse così dinanzi all’Inquisizione morì a causa delle fratture riportate durante le torture. Ma non era, questo mestiere di curare le infermità e di far nascere bambini, solo prerogativa delle contadine e delle popolane. Altre, nobili, che sapevano leggere e scrivere, seppero curare molti malanni, anche gravi, di carattere medico, estetico, sessuale. Diverse herbarie ritenevano, giustamente, che ci fosse uno stretto collegamento tra corpo e anima, corpo e psiche. Ma perché, viene da chiedersi, il mestiere delle levatrici era destinato prettamente alle donne? Era un lavoro a tutti gli effetti, gravoso di responsabilità e remunerato. Ovviamente, non era considerato un vero lavoro, né a livello istituzionale, né ufficiale. Non esistevano albi a cui le mestieranti potevano iscriversi. Anzi, queste erano guardate con disprezzo e considerate scarti della società. Perché? Perché il cristianesimo, fin oltre il Medioevo, considerò immorale questo lavoro, in quanto collegato al corpo della donna che era definito ‘impuro’. Così, fu vietato categoricamente agli uomini di assistere ai parti. Bisogna comunque ricordare che, all’epoca, c’era un’assoluta indifferenza per i rischi frequentissimi di morte che le donne correvano a causa delle ripetute maternità: i mariti usavano le mogli come meglio credevano e la loro morte era un evento meno grave di altri. La perdita di una vacca o del raccolto era considerato una sciagura ben più importante. L'inizio della trasformazione dell'ostetricia in professione maschile viene fatta solitamente risalire all'assistenza data da un medico di corte alla favorita di Luigi XIV, nel 1633: da allora, la moda di ricorrere al medico si diffuse tra l'aristocrazia francese per poi varcare i confini della Francia e diffondersi anche altrove. Ma già dal 1500, in alcune zone d’Europa, i medici avevano ottenuto per disposizione di legge l’incarico di assistere le partorienti. Iniziò a diffondersi, allora, la febbre puerperale che fece morire per tre secoli – ed è storia recente - centinaia di donne, ricche e povere che fossero, di setticemia causata da uno streptococco. Ancora nell’800 c'è chi, come il professor Klein, direttore della clinica ostetrica di Vienna, spiega ai suoi assistenti che la causa delle infezioni che uccidono gli operatori e le puerpere "è un miasma invisibile, atmosferico, cosmico-tellurico, che penetra nel corpo delle donne avvelenandole e uccidendole. E non c'è nulla da fare".
L'unico a non credere a tale fantastica teoria è il più giovane assistente Ignaz Phillip Semmelweis il quale, nel 1848, giunge ad affermare che "le partorienti muoiono perché io e i miei colleghi nell'assisterle, e gli studenti nel visitarle, le infettiamo portando a contatto dell'utero sanguinante la sostanza cadaverica che rimane sulle nostre mani dopo le sezioni anatomiche. Ecco perché la mortalità è molto minore dove ci sono soltanto le ostetriche, che non fanno sezioni anatomiche". Secondo una prassi abbastanza comune a quel tempo, i medici andavano a visitare le pazienti dopo aver fatto pratica di dissezione di corpi morti, con le conseguenze ovvie che possiamo immaginare. Semmelweis obbligò i medici del suo reparto a lavare le mani col cloruro, prima di prendere i parti, e dunque li costrinse ad un’attenta profilassi. Ma nessuno volle credergli, anzi la categoria medica si sentì offesa dalle sue dichiarazioni, tant’è vero che quest’illuminato, che aveva precorso i tempi, fu allontanato e morì all'interno di un manicomio a causa di un taglio alla mano. La diagnosi, per ironia della sorte, fu proprio quella di ‘setticemia’. Quanta ignoranza, quanta superstizione! Sarebbe bastato affidarsi alla saggezza millenaria delle levatrici, all’intelligenza delle donne, alla loro capacità di prendersi cura degli altri. Dar loro fiducia, cosa che non era ritenuta possibile in una società maschilista, che delegava alla presunzione maschile ogni scelta! Vittime, naturalmente, erano altre donne: nell’ospedale del dottor Klein la mortalità raggiungeva anche il 90%! Le cose cambiarono solo diversi anni dopo, grazie ad una donna illuminata: Florence Nightingale. Ma qui comincia un’altra storia e ve la racconteremo la prossima volta”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…