Passa ai contenuti principali

NO EXPO 2015 (DAL SITO WWW.ARTEMPORI.IT)

Come era stato annunciato, la Mayday di quest’anno non si è conclusa il 1° maggio. Nei tre giorni seguenti si sono svolti i No Expo Days, occasione di confronto aperto, approfondimenti e definizione di un percorso che accompagnerà tutto il prossimo anno sino all’inizio di Expo Milano 2015. Numerosi sono stati i temi trattati, dalla riforma del mercato del lavoro, alle politiche di speculazione metropolitana al diritto alla città, dalla sovranità alimentare alla sperimentazione di pratiche di autonomia finanziaria e autoproduzione sociale, dai liberi saperi a una Europa libera dai diktat finanziarie e della troika. Si tratta di temi che sono fra loro tutti intrecciati da un filo rosso che il grande evento Expo intende istituzionalizzare in nome della devastazione del territorio e del saccheggio delle nostre vite. Il workshop “Moneta del comune e autoproduzione culturale” ha discusso la possibilità di sperimentare forme monetarie alternative nell’ambito della autoproduzione culturale, a partire dal circuito dei teatri occupati. In “A cosa serve il Jobs Act” si è cercato di svelare il legame tra Expo e le ultime riforme del mercato del lavoro: decreto legge “Lavoro” e piano “Garanzia giovani”. Expo è stato il pretesto per l’eccezione che diventa norma con il massimo sfruttamento di manodopera a costo bassissimo o nullo. Non è un caso che nella cooptazione dei 18mila volontari si individua la parte più debole di questa operazione e sulla quale è possibile imbastire forme di resistenza e sabotaggio. Il workshop su ‘Sovranità alimentare versus Grande distribuzione’ ha individuato la filiera produttore biologico (certificato e non) a sfruttamento zero dei braccianti – logistica autogestita in ambito metropolitano – distribuzione nel circuito Gas come progetto di alternativa economica e sociale, in grado anche di smascherare i falsi ‘prezzi etici’ delle Coop o il business per un cibo di qualità “di classe”, come Eataly, oggetto di un’azione diretta di demistificazione sabato 3 maggio. Su argomenti simili, ha riflettuto il workshop “Semi di resistenza”, che ha individuato nell’Expo 2015, dedicata a cibo e agricoltura, un affare commerciale enorme, produttore di profitti e di interessi. Non stupisce che oggi l’alimentazione sia ambito speculativo potente, come é da sempre, me ancora di più oggi nel cambiamento di rotta “green” del capitalismo. E non è un caso che in nome della sovranità alimentare ad Expo2015 sarà ospite un gigante degli OGM – Monsanto. Sotto lo stesso tetto Slow Food, Eataly, Coop corresponsabili e protagonisti del sistema Expo 2015 tanto quanto Monsanto, di quel che ha prodotto finora, di quel che produrrà. Nel workshop “Le università contro Expo” si è discusso di come opporsi allo sfruttamento del lavoro volontario dell@ student@ che spinge ed abitua i giovani alla logica ipercompetitiva e precarizzante del mercato attuale e ai privilegi che in occasione di Expo i privati ottengono da parte degli atenei (sponsorizzazioni gratuite, mercificazione del sapere). Nel workshop “Uprising in Europe – a project for the younger Generations” si è discusso di Europa, concepita dalle istanze e dalle esigenze che arrivano dal basso, in antitesi all’attuale progetto neoliberista che per sostenersi si serve delle disuguaglianze, e le alimenta, al servizio delle politiche d’austerity. Per questo è centrale la costruzione di un’opposizione e di una contrapposizione al convegno europeo sulla disoccupazione giovanile dell’11 luglio a Torino. Il tema del “Diritto alla città, trasformazioni urbane, grandi opere” ha attraversato numerosi workshops. Tale tema riguarda tre livelli fondamentali: la forma di governo del territorio; l’organizzazione collettiva dello sviluppo urbano; condizioni di lavoro e di vita non precarie, ma legate ad attività economiche di interesse comune, capaci di soddisfare i bisogni di prossimità. Temi che saranno al centro delle mobilitazioni da qui all’apertura di Expo. L’ampia partecipazione a questi momenti di dibattito e approfondimento dimostra come tutti questi temi, pur differenti, sono componenti di quel brand Expo2015 che si vuole imporre come modello di accumulazione e sfruttamento. Per questo è fondamentale decostruire il suo immaginario e con esso gli immaginari di tutti i soggetti legati al grande evento. Auspichiamo una riflessione grande, aperta, diffusa, continuativa su queste tematiche di libertà e di autodeterminazione; desideriamo si apra un dibattito che coinvolga il più alto numero possibile di soggetti, come anche l’assemblea finale al Parco delle Cave, solidali con la lotta NoCanal contro la Via d’acqua per Expo, ha ribadito, rilanciando l’impegno ad attaccare la macchina di Expo 2015 e le sue dinamiche nel prossimo anno e durante la rassegna. C’est ne qu’un debut! L’articolo originale: http://www.inventati.org/noexpo/2014/05/09/thened-report-dei-workshop/

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…