Passa ai contenuti principali

La recensione di Monica Florio al mio 'Amata nobis'

Ispirandosi al personaggio, realmente esistito, di Bellezza Orsini, la scrittrice Tullia Bartolini ha liberamente rivisitato la figura di questa erborista processata dalla Santa Inquisizione per stregoneria, ritraendola come una donna coraggiosa e anticonformista, invisa ai potenti e alla Chiesa per le sue doti di guaritrice. Senza avere l’intenzione di scrivere un romanzo storico, l’Autrice ha saputo ricreare l’atmosfera del periodo, un cinquecento dominato dall’ignoranza e dalla superstizione, che diffidava delle donne ritenendole creature del demonio. La vicenda di Bellezza Orsini è raccontata dal vicario Marco Callisto di Todi in un memoriale nel quale l’uomo, ormai in punto di morte, ricostruisce quei fatti di cui fu testimone oculare e, al tempo stesso, giudice. Ed è a questo domenicano, spietato nel tutelare l’immagine della sua Congregazione, che è affidato il compito di ricostruire quanto avvenne, secondo un percorso circolare che caratterizza la struttura del libro.
Attorno a Bellezza ruotarono uomini privi di una forte personalità: il nobile Camillo che, pur disperandosi della sua cattura, non intervenne per salvarla, il figlio Jacopo che le fu sempre estraneo ma l’aiutò a redigere l’autodafé e Tommaso, il tormentato parroco di Monterotondo che la consegnò alla giustizia e, successivamente, la sottrasse al rogo. I rapporti con le donne furono spesso ostacolati dalla competizione e dalla gelosia: la storpia Caterina, perpetua di Tommaso, fu una sua acerrima nemica al punto da deporre contro di lei, mentre Lucia le fu complice e amica, insegnandole a cucinare mentre era a servizio presso i conti Orsini. Considerata un pericolo per la collettività, Bellezza Orsini pagò con la tortura l’orgoglio di saper leggere e scrivere, cosa inusuale per una donna di umili origini, e di aver salvato con le sue erbe quei tanti che la medicina ufficiale, allora praticata dagli uomini, non era riuscita ad aiutare. Le sorti di quest’eroina così in anticipo sui tempi in cui visse restano nel vago: riuscì veramente a fuggire dalla capanna in cui Tommaso la teneva prigioniera? Anche il rapporto con il frate è ambiguo: come un carceriere la teneva legata a sé per proteggerla o per dominarla? Ambientato in un contesto storico tra i più chiusi che si possano immaginare, “Amata nobis” è un romanzo non dogmatico caratterizzato da un finale aperto che conferisce una nota di mistero alla narrazione, sorretta da una prosa fluida e incisiva. La citazione: “Aveva un bel corpo, disse: lo sapeva perché si era sentita sempre desiderata. Offrirlo nudo alle torture e ai nostri sguardi fu la sua vendetta, la sua ultima seduzione, amata nobis, amata da noi tutti”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…