Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2016

Le particelle elementari - Michel Houellebecq

Due righe sul secondo romanzo del grande autore francese, edito in Italia da Bompiani nel 1999. 
Quest'opera, da cui fu tratto un film di successo, lo consacrò definitivamente alla notorietà. Houellebecq fu presto etichettato "scrittore aderente al transumanesimo" (ossia: i limiti dell'umanità si superano attraverso una modificazione 'genetica' dell'uomo, che possa aiutarlo a superare la sua finitezza e meschinità).

Più di un critico ha espresso dei dubbi sulle qualità letterarie di M.H. "Una grande scrittura, costruita sul vuoto di tutto il resto", hanno detto di lui. E, in effetti, il vuoto dell'esistenza è proprio ciò che Houellebcq prova a descrivere in questo romanzo, con risultati sorprendenti. 

Incapacità di amare, dipendenza dal sesso, impossibilità di rifare l'esistente: questi sono i veri protagonisti de 'Le particelle elementari', oltre ai due fratelli, Bruno e Michel. 

Che sono, dopotutto, gli alter-ego dello scrittore. S…

Amata nobis a Napoli

Io e Bellezza vi aspettiamo. Con la partecipazione di Cinzia Caputo e di Rosanna Bazzano. Sabato 6 febbraio p.v., ore 17 e 30, presso il Caffè Letterario "Il tempo del vino e delle rose".






Lucia Maio, la fotografia come essenza e anima

Prosegue la serie delle interviste resistenti. Questa volta ho rivolto alcune domande a Lucia Maio. Architetto, ma anche appassionata di fotografia.




Come nasce la tua passione per la fotografia?

Premetto che sono una beneventana, e respiro da sempre l’arte figurativa e la cultura. La mia città è infatti connotata da una stragrande presenza di monumenti di notevole importanza storica. La passione per la fotografia è emersa quando, per il mio dodicesimo compleanno, mi fu regalata una macchina fotografica. Così iniziai a catturare l’immagine di tutto ciò che andava oltre il “tempo e il segno”. Ricordo i mille “scatti” alle scenografie delle manifestazioni teatrali della “Benevento città spettacolo”, i diversi scatti per trovare il punto di vista ideale per immortalare l’Arco di Traiano o quello del Bue Apis, le foto mai sviluppate del portone bronzeo del Duomo, il mio girovagare per il museo del Sannio per comprendere che lo stesso è unico nel suo genere per reperti storici egizi reperi…

Consigli di viaggio: la Castiglia Leòn, un luogo magico

Ho conosciuto una Spagna arcana , gotica, misteriosa. 
Sulle orme dei Tristàmara, ho percorso le navate della chiesa di Segovia, dove Isabella fu incoronata, vergine regina. Ho respirato la stessa aria di Miguel de Cervantes, o del severo Cisneros. Proprio lui, il confessore di Corte, cardinale contro ogni intenzione, riformatore della Santa Inquisizione. Un personaggio su cui si potrebbero scrivere interi volumi: spietato, quasi crudele, eppure capace di finanziare con i suoi soldi l'edificazione di una città universitaria, quella di Alcalà de Henares. Ho visto il leggìo dal quale gli studenti dissertavano la loro tesi di laurea: appena uno su mille era destinato a farcela.
Qui di sotto mi sono divertita a tracciare  una breve cronaca del viaggio, per chi volesse seguire i miei consigli su come spostarsi lungo una parte della Castiglia Leòn. Le distanze sono minimali, fino a un massimo di due ore di automobile. I distributori di benzina sono rari, lungo la Sierra, dunque è bene f…