Passa ai contenuti principali

Trotula





























Trotula De Ruggiero fu la prima medichessa della storia. Di lei si sa che discendeva dall'antica famiglia dei De Ruggiero e che visse nella città di Salerno intorno al 1050. All'epoca, Salerno era luogo assai rutilante, aperto agli scambi economici e culturali con tutto il Mediterraneo. Discendere da un nobile casato consentì a Trotula di frequentare le scuole superiori e di specializzarsi in medicina, campo nei confronti del quale aveva sempre mostrato vivo interesse.
Sposò il medico Giovanni Plateario, dal quale ebbe due figli, Giovanni e Matteo, che divennero anch'essi medici molto noti. Circa mille anni dopo la sua morte, Paola Presciuttini racconta, in un libro a lei dedicato, la sua incredibile storia. Si tratta di un gran bel romanzo, intitolato appunto 'Trotula' e pubblicato da Meridiano Zero.
Si parte dall'infanzia di questa donna che, nonostante il destino delle donne fosse, al tempo, limitato alla cura della famiglia e della casa, seppe farsi molto apprezzare dal punto di vista professionale. Per sé, Trotula De Ruggiero volle fortemente un'altra vita e, per questo, scelse al suo fianco un uomo intelligente, che seppe rispettare la sua esigenza di autonomia. La Scuola Medica Salernitana, all'avanguardia e aggiornata, dove Trotula insegnò, non disdegnava, fortunatamente, le frequentazioni femminili. La nostra medichessa teneva lezioni seguite da tutti gli studenti, stralci delle quali furono incluse nel De agritudinum curatione, una raccolta di insegnamenti di sette grandi maestri dell'università. Inoltre, Trotula collaborò, col marito e i figli, alla stesura del manuale di medicina Practica brevis. Emblematiche furono le sue stesse parole, a proposito della salute delle donne, che sempre la interessò: "Siccome le donne per natura sono più fragili dell'uomo, sono anche più frequentemente soggette ad indisposizioni, specialmente negli organi impegnati nei compiti voluti dalla natura... per pudore o per innata riservatezza, non osano rivelare le sofferenze procurate da queste indisposizioni. Perciò la compassione per questa loro disgrazia mi ha indotta ad esaminare in modo più approfondito i loro problemi". Fino al XVI secolo, i suoi testi furono tra i più utilizzati in campo medico e più volte trascritti.
Nel tempo, purtroppo, subirono non poche trasformazioni, tanto da essere poi attribuiti ad autori maschili (addirittura un fantomatico Trottus) o al marito. Nell XIX secolo, alcuni storici negarono la possibilità che una donna avesse potuto scrivere un'opera così importante e, pertanto, Trotula fu cancellata dalla storia della medicina. Detto questo, non sorprende affatto che Paola Presciuttini abbia voluto raccontarci (cosa che aveva già fatto con un testo teatrale), la storia di una donna tanto diversa dalle altre, capace di coniugare famiglia, maternità e lavoro in modo speciale. Nel testo, molte parti della vita di questa medichessa sono state oggetto di rivisitazione e diversi personaggi sono certamente frutto della fantasia dell'autrice (non ultima la figura del precettore, tra le meglio riuscite del romanzo). Ma questo non fa che arricchire il romanzo di spunti e di riflessioni. Coraggiosamente, la Presciuttini fa parlare i singoli personaggi, capitolo dopo capitolo, dando voce a identità femminili e maschili che convincono in pieno. Non é cosa facile, per chi scrive, dar fiato a personaggi di sesso differente dal proprio. Ogni pagina convince e cattura l'attenzione, accompagnandoci lungo un percorso di vita affascinante. Trotula visse a lungo, seguendo un modus vivendi che dovette irrobustire soprattutto la sua volontà. Dalle pagine del romanzo sale un umore di spezie e erbe mediche, di malattia e guarigione, di cibo cucinato. Sembra quasi di avvertire il profumo di miele amaro dei capelli della protagonista, che invade il cuore e i sensi del suo futuro marito. Dovette essere una donna affascinante, Trotula, e così la Presciuttini immagina i tormenti del frate che le insegnò le arti e la grammatica, dandole la cultura necessaria ad accedere alla scienza medica. Insomma, un romanzo da leggere e da gustare, per scoprire le vicende di una novella strega che seppe salvarsi grazie alla sua cultura e alla sua appartenenza alla nobiltà salernitana. Ma che, sempre, s'impegnò a salvaguardare il diritto alla vita e alla salute delle donne, senza mai rinunciare a cercare, per se stessa, libertà ed autonomia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…