Passa ai contenuti principali

Christian Mirra e Cielo Libre

"Chi non conosce la propria storia è destinato a riviverla".






Alcuni momenti dell'incontro. Le foto sono di Alessio Masone.
http://www.artempori.it/artempori/2015/01/07/christina-mirra-e-cielo-libre-illustrazioni-e-fumetto-per-le-poesie-dei-prigionieri-politici-argentini/

Ecco, di seguito, il testo dell'articolo apparso sul sito di Art'Empori.

Potrebbe essere questo l'esergo dell'incontro dello scorso venerdì 3 gennaio, organizzato nei locali della libreria Masone di Benevento e dedicato a "Cielo Libre - Imaginar la Libertad", raccolta di poesie dei prigionieri politici argentini. Un periodo tremendo, quello della dittatura militare in Argentina (1976-1983) , periodo che conta circa trentamila desaparecidos, oppositori che non hanno più fatto ritorno a casa.
Christian Mirra, autore dei disegni a corredo delle poesie, è stato ospite della serata e ha ricordato come già Hitler avesse fondato la politica dell'olocausto sulla 'dimenticanza': quella, appunto, che - a dire del folle dittatore - aveva consentito di rimuovere l'entità della strage degli Armeni. Invece no. Invece occorre ricordare i luoghi e i tempi in cui gli uomini sono morti sotto il peso delle ingiustizie, scegliendo di correre enormi rischi in nome della democrazia e della libertà. Adoperando la carta delle sigarette - permesse nel carcere duro inflitto agli oppositori - i messaggi dei prigionieri uscivano all'esterno attraverso un sistema ingegnoso e terribile: le feci. Molti di quei versi - che sono grida di accusa, denuncia, ma anche specchio di immensa disperazione - sono pervenuti alle famiglie dei prigionieri e sono stati raccolti e pubblicati nel 1981 da José Luis Tagliaferro, oppositore costretto, in quegli anni, a rifugiarsi in Italia. Ora Josè Luis vive a Montevideo e si è collegato in diretta Skype con l'affollata sala della Libreria.
"Non si pensi che la storia sia chiusa: solo quello che non comprendiamo si può archiviare davvero", scriveva Peter Hoeg in un suo famoso romanzo. In quante parti del mondo avvengono ancora enormi iniquità, quanti uomini pagano con la vita il loro senso di giustizia e di uguaglianza? Nell'era di internet e dell'interconnessione il vero dovere è ricordare, perché le cose smettano di accadere. Christian Mirra (autore de "Quella notte alla Diaz. Una cronaca del G8 a Genova", Guanda Editore), ha dialogato con gli ospiti offrendo la sua esperienza e il tratto geniale dei suoi disegni. Vive da tempo in Spagna e si è detto orgoglioso della sinergia nata con Josè Luis Tagliaferro nel rieditare l'opera presentata. I diritti umani non passano mai di moda, come il senso di eguaglianza e di libertà che è dentro ognuno di noi. "Siamo doppi, complessi, sta a noi far prevalere ciò che è giusto, equo, ciò che ci rende migliori. Nessuno dei familiari dei desaparecidos si è mai vendicato, anche dopo la caduta del regime", ha detto Tagliaferro. E ha aggiunto: "Anche questo vuol dire scegliere la parte più sana di noi, per costruire il futuro".
Per saperne di più su Christian Mirra e sul progetto di Cielo Libre, cliccate qui:
http://christianmirra.com/

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…