Passa ai contenuti principali

La casa di Schiele

Che Sara Cancellieri e Igor Verrilli abbiano dedicato la propria associazione al grande artista austriaco non ha fatto che aumentare l'ammirazione che ho per entrambi. Venerdì scorso, 13 dicembre, Igor e Sara sono stati ospiti d'onore a un'affollatissima cena-baratto organizzata presso la Libreria Masone, nella serata del dopo Gas. Un momento associativo di grande bellezza a cui partecipo da mesi con piacere, che consente uno scambio di cibo ed esperienze (di vita, poetiche, artistiche) spontaneo ed arricchente. E' stata una serata assai bella, spesa all'insegna della buona alimentazione ( locale e consumata in nome della filiera corta) e di un'arte che nasce e si sviluppa sul territorio. Igor, che ha vissuto diverso tempo a Termoli, è tornato nella sua città e, con 'La casa di Schiele' (https://www.facebook.com/lacasadischiele?ref=hl), la neonata associazione culturale, vuole rilanciare, attraverso mostre, workshop, corsi di pittura e scultura, un discorso artistico di qualità nella pur sonnacchiosa Benevento. Del progetto ci ha parlato Sara, che si occupa da tempo anche di volontariato e che vuol procedere in sinergia, assieme all'Associazione, in un percorso valoriale. Il suo è stato un contributo coinvolgente, tanto è stato l'entusiasmo con cui ha illustrato il percorso fatto finora per approdare a 'La Casa di Schiele'. "Il nostro è un luogo dove è possibile ammirare opere d'arte, interagire con gli artisti, essere parte attiva di un progetto creativo. Da tempo pensavo a un posto dove poter stare assieme al fruitore dell'opera, al cliente, magari anche bevendo assieme un buon bicchiere di vino. Chi passa dalle nostre parti può vederci all'opera, farci tutte le domande che vuole: prima mi dedicavo alla scultura lavorando di spalle alla vetrina, oggi accolgo chi viene a farci visita senza alcuna remora".
(Nella foto, Sara Cancellieri.) Chiunque lo desideri può visitare la casa di Schiele, che ha sede in Via San Gaetano 16, a Benevento. Per i corsi di pittura e scultura, è possibile contattare i nostri artisti ai numeri 3400551665 o 3339211909 o scrivere direttamente all'indirizzo e-mail lacasadischiele@libero.it. "Forse, quando sono andato via da Benevento", ci ha detto Igor, "la città non era ancora pronta ad affrontare un discorso artistico non delegato, che by-passasse le solite manfrine: insomma, se non conoscevi il politico di turno non lavoravi. Oggi sento che si può procedere in modo diverso". Nel corso della serata, colloquiale e piena di spunti, Sara ha ricordato che i corsi sono aperti a persone di tutte le età ("Non esistono", ha ribadito infatti Igor, "limiti all'apprendimento delle varie tecniche. Disegnare, per esempio, richiede tempi diversi dal dipingere. Nella pazienza necessaria c'è la sola, vera difficoltà. L'arte vuole motivazioni, impegno serio: le sole cose, d'altronde, che durano nel tempo"). "In questo nostro spazio è possibile approfondire varie tecniche pittoriche e, se si vuole, colloquiare anche con figure parallele a quella dell'artista come, ad esempio, i critici d'arte", ha detto Sara. Insomma: l'entusiasmo è tanto e l'energia si tocca con mano. Molti anni fa un esperimento simile, che coinvolse molte persone, fu quello promosso dal pittore Arturo Iannace, con il suo atelier 'L'Arco'. Era un luogo affollato e stimolante che ricordo di aver frequentato da bambina, al seguito di mia madre. C'era molto fermento e attenzione al discorso culturale, in quel contesto, e credo che 'La casa di Schiele' si ponga sulla stessa lunghezza d’onda. In questi giorni l'Associazione ospita una mostra collettiva di opere d'arte di piccolo formato ('small painting'), riferita a vari artisti e allestita in collaborazione con la Galleria Casa Turese.
Igor Verrilli
(Nella foto, Igor Verrilli al lavoro)

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…