Passa ai contenuti principali

Tinos , perchè scegliere quest'isola autentica e bellissima

Prologo: mentre stai per atterrare a Mykonos, ma tu ancora non hai fatto mente locale, vicinissima appare, nell'azzurro fondo dell'arcipelago, l'isola di Delos. Disabitata, patrimonio dell'Umanità, piccola e misteriosa, quest'isola è una propaggine severa della contigua isola dei divertimenti. Da Mykonos, infatti, Delos si raggiunge con un aliscafo che può attraccare, tra l'altro, solo se si è in assenza di venti forti. Ma noi eravamo a Tinos e così, da lì, potevo solo osservare Delos come in un sogno, mentre leggevo di miti e di antichi tesori, dei riti dedicati ad Apollo, di un passato glorioso che il destino capovolse in modo tragico...
Nelle Cicladi è così: nascono grandi amori, promesse di ritorni. Vieni sferzato dal vento, che frusta i capelli e secca la pelle, corteggiato da un mare freddo e limpido che è stato salpato tante volte, affrontato da generazioni di naviganti...

A Tinos ci accolgono Spyros e la sua compagna e subito prendiamo l'auto che abbiamo affittato per girare l'isola, che è grande e spalmata su innumerevoli colline. Dormiamo in una casa che si trova a pochi passi dal villaggio di Triantaros. E' una sistemazione su più livelli, imbiancata a calce, molto 'greca': bellissima nella sua semplicità.





Dalla base si parte subito per visitare Tinos town, che è ad appena quattro chilometri di distanza, ma prima ci fermiamo a consumare qualcosa in una taverna di Triantaros, "Oi lefkes", posta lungo la strada, dove sosteremo più volte nel corso della vacanza. Si mangia bene - come ovunque sull'isola - il clima è rilassato, i tramonti dal terrazzino splendidi.

Tinos town - tanto vituperata, a leggerne sui social - è invece una cittadina portuale vivace, piena di gente, con una via dello shopping (religioso), ma anche ricca di bei localini nascosti nei vicoli (negozi, bar, taverne). Vanta numerose pasticcerie storiche in cui vale la pena far più di una sosta e alcuni dei migliori ristoranti dell'isola, dove è bene mangiare una 'taramosalada' da leccarsi i baffi...Perchè Tinos è l'isola delle Cicladi dove il km zero impera: direttamente dall'orto alla tavola, e il sapore dei piatti è unico, incredibile, memorabile. Ecco, di seguito, alcuni ristoranti che consiglio: Marathia http://www.marathiatinos.gr/(Agios Fokas), Malamatenia (in pieno centro), Itan Ena Mikro Karavi (a ridosso del porto), To Thalassaki https://suitcasemag.com/travel/explore/restaurant-review-to-thalassaki-tinos-cyclades-greece/. In Grecia, ricordatelo, si mangia (bene) a tutte le ore...

Al mattino dopo - e per tutte le mattine a seguire - si parte alla conquista dell'isola, villaggio dopo villaggio, emozione dopo emozione: tra i più belli, ricordo Kardiani, Dyo Choria, ma anche Volax, Pyrgos, Agapi, lo stesso Triantaros, ognuno con una sua caratteristica, ma sempre col platano centenario al centro delle piazza e le antiche lavanderie dove le donne si riunivano, chiacchieravano e si riparavano dal sole...Tutto intatto, autentico, se non fosse che tante case vengono, di anno in anno, ristrutturate, riportate all'antica bellezza, ampliate...
La grande ricchezza di Tinos è la sua morfologia: dalle colline si godono panorami mozzafiato. Mykonos pare un suo prolungamento, tanto è vicina. Viziosa e rutilante, Mykonos di notte si illumina, tira tardi, bellissima: merita senz'altro una visita, magari quando è meno affollata e più autentica, in altre stagioni dell'anno.
A Tinos non bisogna mancare la visita a Loutra e al suo centenario convento delle Orsoline, dove abbiamo incrociato un'anziana signora in vacanza parlante un ottimo francese: è stata un'allieva della scuola e la lingua che le hanno insegnato non l'ha più dimenticata!

- Ristorante 'Malamatenia', nel cuore di Tinos town -

- Kardiani Village -

- Loutra, Convento delle Orsoline -

(Una felicità tutta greca...)

- Una delle innumerevoli chiese dell'isola -

A Kardiani c'è in affitto una casa fantastica che abbiamo visitato, complice la proprietaria, una simpatica signora ateniese di professione architetto. Una dimora davvero bellissima , con vista mare mozzafiato. Fittandola in gruppo, anche se il prezzo non è per tutte le tasche, si potrebbe prendere in considerazione ( https://www.airbnb.it/rooms/7924947 ).
Il mare è limpido, cristallino, di sera si tinge di rosa e azzurro, gradevole anche quando soffia il meltemi (in due settimane dio Eolo ci ha graziato, con soli due giorni di vento). Ho molto amato la spiaggia di Kionia (dove credo sia conveniente fittare una casa, per la vicinanza con la Chora e il porto): ampia e ben servita. Ma anche le spiagge a sud est dell'isola meritano (almeno quelle facilmente raggiungibili, se non si sceglie di inerpicarsi sui costoni). Il prezzo medio di due lettini e ombrellone è di appena 5,00 euro. Bellissima Kolimpithra, visitata in una giorno di bonaccia, dove c'è anche una trattoria in cui si mangia, tanto per cambiare, benissimo.

Kolimpithra

Agios Romanos

Kionia

Tra bagni salutari, belle passeggiate, cibo di altissimo livello perchè sano e genuino, Tinos ha da offrire quanto di meglio sia possibile alle Cicladi. Mostre d'arte moderna (a Kambos vive con la moglie uno dei più grandi artisti greci viventi, Kostas Tsoklis, cui è dedicata una mostra d'arte permanente) e piccole, deliziose taverne (entri per un caffè greco e ti offrono le arance caramellate che stanno preparando in quel momento, in un effluvio di pura gioia, com'è successo ad Agapi , con 'H Kamara Tou Agapiou', vedi foto sotto).

- Taverna ad Agapi -

Insomma, scegliere Tinos vuol dire decidere di mangiare bene, respirare bene, farsi scompigliare i capelli dal meltemi, rincorrere il proprio cappello ogni volta, non avere caldo, godere di panorami unici (la vista su Syros, tra l'altro, è di quelle che non dimentichi) e di tramonti fantastici, conoscere persone splendide, respirare un clima di autentica spiritualità, fare bagni in un mare trasparente e pulito, tornando a casa abbronzati e felici. Di ragioni ce ne sono, insomma, per amare Tinos e la Grecia tutta.

 - Di lontano, svetta Exomvurgo, l'antico capoluogo -




- Kardiani Village - 


- Agapi Village - 

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…