Passa ai contenuti principali

Milos la luminosa: consigli di viaggio


Turisti o viaggiatori?, si chiedeva Paul Bowles... Oggi credo dipenda dal proprio sguardo, dal sentirsi o meno parte di un tutto, interconnessi oppure no...
E così, stavolta, voglio parlarvi di Milos, l'isola delle Cicladi che potrebbe diventare meta di una vacanza indimenticabile...
Difficile trovare le parole giuste per descrivere tutta la sua luce, e il blu; e la limpidezza del suo mare, il guizzare dei pesci a Kleftiko, i colori intensi della Plaka, le terrazze soleggiate, i gatti che si stiracchiano al sole, la gentilezza dei suoi abitanti...



(Ingresso catacombe - tutte le foto del post sono mie, ad eccezione dell'ultima)

La bellezza...

Fyropotamos, Syrmata

Paliochori

Plaka, tomba di Catherine Brest

Firiplaka

Ancora Syrmata...

Dormire a Limeri apartments...


Milos è bella da subito, senza fraintendimenti. Terra battuta e vento (il famigerato meltemi), sono le cose che colpiscono appena si atterra - e che prendono soprattutto le narici, la pelle, la mente -, dopo un breve volo da Atene. Poi,quando ci si riprende, si è rapiti da un'incontenibile curiosità. In aeroporto è possibile fittare un'auto - indispensabile per visitare l'isola - con cui far subito tappa ad Adamas. Il mare è poco sotto la carreggiata, accompagna tutto il percorso, limpido, appena ondulato dal vento. Adamas è il piccolo porto dove attraccano navi e traghetti, per chi decidesse di raggiungere l'isola via mare, ed è ricca di locali, di piccoli negozi, di bar dove si può gustare vero yogurt locale: un luogo, a nostro avviso, più autentico di Pollonia, altro centro abitato dell'isola, dove è comunque bene fare qualche capatina, magari per un'ottima cena da "Armira"... guardate queste foto, renderanno l'idea del menu'...http://zenaviet.blogspot.it/search/label/Food%20styling.
Anche ad Adamas si mangia bene, regalarsi buone cene a prezzi equi è possibile ovunque, basta scegliere con cura il locale dove andare.
Il nostro Studio, ossia il bilocale in cui abbiamo soggiornato, era a due passi da Sarakiniko, meta ineludibile del viaggio http://www.miloslimeri.gr/. I bilocali sono tenuti benissimo e sono davvero carini. Una colazione leggera viene offerta dalla casa, a base di fette biscottate, miele, marmellate. Ci siamo trovati splendidamente (complice anche la simpatia del titolare degli studios,una ex rock star), nonostante il meltemi abbia soffiato forte per quasi una settimana: Sarakiniko, infatti, è a nord e lì il vento si sente molto di più. Eppure... che incanto...
Munitevi di macchina fotografica e raggiungete la splendida spiaggia alle prime ore del giorno. La troverete ancora poco "invasa" e potrete dilettarvi a scattare foto, concedendovi un bel bagno nella caletta, che è piccola, ma offre acqua cristallina e buone nuotate. Ad est di Sarakiniko, percorrendo una piccola strada sterrata, si arriva a una spiaggetta isolata dove ci si può rinfrescare se si soggiorna da quelle parti. Cercatela, non vi deluderà. Ma le spiagge di Milos sono una più bella dell'altra, ogni giorno avrete la possibilità di cambiare posto senza mai restare delusi.
Serve solo una mappa ben dettagliata, senza dimenticare che la parte ad ovest dell'isola è mal collegata, non ci sono distributori di benzina e che, lì, le strade sono piuttosto malconce. Dunque, evitatela, anche perchè il mare, da quelle parti, è raggiungibile con le barche (da non perdere l'escursione a Kleftiko) e può regalarvi nuotate indimenticabili...
Achivadolimni è una lunga spiaggia senza lidi e alberata, dove rifugiarsi e stare in pace e dove è possibile fare lunghe passeggiate (man mano che si cammina, sembra di entrare in un luogo preistorico, con le piccole grotte scavate nella roccia). Le spiagge più belle sono, a nostro avviso, Paliochori e Firiplaka. Ma vanno citate anche Agia Syriaki, dove ho conosciuto una fantastica archeologa che ha casa a Milos da trent'anni e che mi ha incantata col racconto di una Milos 'com'era'. Bellissima anche Fyropotamos...Gli appassionati di puro mare (nel senso che l'acqua è davvero a pochi passi dalle casette) e che non trovino scomodo portare le buste della spesa a mano per un bel tratto, possono soggiornare nelle syrmata (ce ne sono alcune davvero bellissime, su Airbnb, cercatele): si tratta dei vecchi rifugi per le barche, che hanno mantenuto intatto il loro fascino. Alcune di esse svolgono ancora il proprio ruolo... il vostro vicino sarà un pescatore che guarda i turisti tuffarsi tra le onde scuotendo il capo, ma senza mai farvi mancare il suo sorriso e il suo sguardo bonario.



Ma la vera Milos, la più antica, quella che vi confonderà, è Plaka, antico capoluogo, con le sue viuzze bianche, le finestre azzurre, i localini, i negozi dove comprare braccialetti o abiti di garza. Da non perdere la colazione da Paleos Pastry, la più bella pasticceria dell'isola, dove mangerete dolci unici, accolti in un luogo fascinoso e molto 'greco'.
A Milos fu trovata la famosa statua di Venere (cercate la piccola chiesa accanto alla quale è sepolta Catherine, la moglie di Luis Brest, il console francese che "scoprì" la statua), e il museo archeologico dell'isola non è da trascurare  http://www.milos.gr/it/giro-turistico/musei, così come  merita una visita la piccola casa del capitano (oggi Museo del Folklore), che offre la possibilità di conoscere fino in fondo il modo di vivere degli abitanti dell'isola, penetrando nella loro vita quotidiana e nella loro intimità...
Ma la vera chicca sono le catacombe... davvero da non perdere.


Catacombe - foto dal WEB

La presenza di miniere, sull'isola, non ha consentito l'edificazione selvaggia e questo rende Milos un'isola più riservata di Mykonos, per esempio. I suoi ritmi sono lenti, dunque prendetevela con calma, esploratela senza fretta (serve almeno una settimana), godetevi, salendo dalla Plaka verso il castello, i suoi panorami mozzafiato e respirate a fondo tutta quella maestosa bellezza, così 'vera', profonda, mediterranea.




Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…