"Amata nobis" in braille

Il mio "Amata nobis" è ora anche in scrittura Braille. Grazie a Dario D'Auria, a Pasquale, Iris, Simona, a tutti gli amici che mi hanno accompagnata in questo percorso.

Il mondo degli ipo-vedenti è fatto di suoni, colori, di un'insospettabile gioia di vivere.

E' un onore essere stata con loro, aver interagito col loro universo.

Bellezza Orsini era una cuciniera, vedova, considerata invisibile e costretta ai margini per la sua diversità.
Sarebbe stata davvero contenta di questi incontri meravigliosi.

http://www.ntr24.tv/2016/12/19/premio-letterario-benevento-braille-la-consegna-del-testo-vincitore-allunione-italiana-ciechi-ed-ipovedenti/









Commenti