Livre pauvre, la bellezza di un gesto senza padroni

I "libri poveri", dall'idea di un autore francese, Daniel Leuwers, sono opere fuori mercato, non delegate, ne' deleganti. Fogli di cartone ripiegati alla stregua del 'leporello', contengono poesie, collages, piccoli disegni. Bypassano l'editoria, il mercato, l'intermediazione, ponendosi delicatamente all'attenzione dei lettori. Piccole rivoluzioni dal basso, spontanee, autogestite. Povere perche' poco é costato produrle, minimo é il costo, per chi volesse acquistarle. Bellezza a portata di mano, liberta' di non dipendere da nessun mercato. E, ancora, il libro povero dimostra che un messaggio di senso puo' essere davvero contenuto in poco spazio, arrivando a chi sa accoglierlo. Spago, filo, rimandi ai grandi della pittura; versi, metafore, luci, ombre, in poche linee, minimi segni. Tutto questo - e molto altro - é stato detto all'incontro, presso la Libreria Masone, il 18 novembre scorso. Ringrazio Alfonso Marino, la sua caparbia generosita', e Lello Agretti per la sua amorevole, acuta presenza.


Opera di Alfonso Marino
Con Lello Agretti
Con Alfonso
Opera di Lello Agretti

Commenti