Passa ai contenuti principali

Chiara la coraggiosa, nell'ultimo testo della Maraini

Nell'ultimo romanzo di Dacia Maraini, "Chiara d'Assisi-Elogio della disobbedienza", edito da Rizzoli, c'è una Chiara che cammina scalza, d'inverno come d'estate, a passi svelti, i piedi piagati, percorrendo le stanze del convento di San Damiano.
E' irrequieta, eppure irresoluta. Bella, ma non sembra curarsene.




Questa Chiara, ragazza di buona famiglia, abituata alle sete e alle gemme, ha tagliato i capelli e ha iniziato a disobbedire: alla sua famiglia, a chi aveva già deciso per lei un destino di agiatezza. Per giunta, come se non bastasse, ha fondato un ordine che ha, come voto fondamentale, quello della povertà.



Poi, ad appena trent'anni, di cui già molti passati in convento, smette di camminare, in preda a una malattia misteriosa. Lei, così avventurosa, coraggiosa, che avrebbe voluto raggiungere le porte dell'Africa e predicare il Verbo, ha obbedito alla chiamata di Gesù, alla regola e al volere di Francesco. Che il suo male sia uno straripamento della rinuncia alla vita?
E così, per scelta e per obbligo, vive le sue giornate tutte uguali, pregando, semi-sdraiata sul suo pagliericcio scomodo, incapace di muovere anche solo un passo.
La Chiara di cui ci parla la Maraini è naturalmente dedita alla preghiera, al cucito, al raccoglimento. Mangia pochissimo, si strugge per Dio. Si strugge nelle veglie all'alba per pregare, nel freddo del chiostro, battendo i denti, crollando per il sonno. Ha scelto una vita di elemosina, ha rinunciato a ogni bene materiale. Ha voluto la mortificazione di sé. Inginocchiata dinanzi alle consorelle lava loro i piedi, bevendo a sorsi l'acqua sporca in segno di totale devozione. Badessa non per scelta, ma per volere di Francesco, solerte e mai imperiosa, accogliente e mai giudicante.
La Chiara di cui ci parla Dacia Maraini è una donna che vive pienamente la libertà della sua vocazione. Non ha voluto, per se stessa, il grigiore di una vita familiare accanto a un uomo non scelto, né lo schema di un monachesimo vissuto secondo le regole di una Chiesa opulenta. Ha voluto Gesù, la cristianità, l'illuminazione di un percorso coerente. E' una Chiara vibrante, questa che trapela anche dalle testimonianze delle sue consorelle, quella che ci viene raccontata in questa sorta di saggio storico.
"Chiara d'Assisi" è un bel libro soprattutto perché non pone domande retoriche e nasce dalla sincera volontà di comprendere un percorso di vita, senza mai giudicarlo.
Le pagine più belle del testo sono quelle della descrizione del quotidiano vissuto da Chiara, tra le mura del convento: un anti-destino fortemente voluto, il suo, costruito con determinazione e intelligenza profonda. Manca, però, il tormento, il dubbio, la caduta che certamente accompagnarono la vita di questa donna. La Santa che lotta contro se stessa, per mutare se stessa, non c'è mai. L'artificio della lettrice, che scrive alla Maraini per stimolare in lei la ricerca sulla vita della Santa, non è, secondo me, ben riuscito perché sa, appunto, di 'artificio'. Insomma, la Maraini non aggiunge né toglie, a quello che sappiamo o possiamo immaginare di Chiara.
Ma si dà al racconto con una sincerità disarmante, utilizzando il suo solito, pungente stile e mostrando autentica passione per il "femminile".

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…