Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2015

La Signora Dalloway

"Affondava come una lama nelle cose; e al tempo stesso ne rimaneva fuori, osservava. Aveva l'impressione costante, anche ora guardando i taxi, di essere lontana, lontanissima, in mare aperto, e sola. Sempre aveva l'impressione che vivere anche un solo giorno fosse molto, molto pericoloso". Virginia Woolf

Michel Houellebecq e 'Sottomissione'

Ho letto - grazie al suggerimento prezioso di un'amica - 'Sottomissione', l'ultima opera di Michel Houellebecq, uscita a gennaio di quest'anno. Linko, qui di sotto, il bellissimo pezzo di Giuseppe Rizzo,  che coglie in modo approfondito, secondo me, l'opera di questo scrittore.
Il romanzo mi è piaciuto molto; lo stile è crudo, diretto, senza fronzoli. Tra le righe non c'è traccia dell'islamofobia di cui molti hanno parlato, che valse allo scrittore addirittura un processo. C'è, piuttosto, una critica dolorosa, sentita, alla perdita di valori dell'Occidente. "La gente è stanca della propria libertà", ha più volte detto, nel corso di diverse interviste, lo stesso Houellebecq, cogliendo in pieno il malessere dei nostri tempi liquidi.
Hanno più volte scritto della sua misoginia; ma Houellebecq appare, piuttosto, di un realismo doloroso proprio quando parla di donne e della loro liberazione senza libertà; della rincorsa a un'autonomia…

La recensione di Cinzia Caputo al mio 'Amata nobis'

Ringrazio Cinzia per questo ennesimo dono.





"Per il pensiero magico l’universo e le forze che lo governano formano un solo organismo che avvolge l’uomo in un cerchio di energie sulle quali possonointervenire iniziati, sciamani, maghi o streghe. Ogni azione di questo sistema di conoscenza ha alla base l’idea che microcosmo e macrocosmo, visibile e invisibile sia connesso come un unico grande tessuto. Lo spirito magico è quindi in grado di avvicinare ciò che è distante, rendere affine ciò che è estraneo e conciliare ciò che in apparenza diverge. Questa concezione del mondo come organismo vivente risale ad alcune correnti relativamente tarde del pensiero antico, come lo Stoicismo e il Neoplatonismo, ma risale ancor prima a Platone e ai presocratici, d’altra parte il filosofo è un mago del pensiero con cui riesce ad accedere ai misteri dell’ Anima Mundi. Il concetto di Anima mundi ci rimanda alla nostra tradizione italiana proveniente dai tre grandi maestri : Plotino, Ficino e Vico che…

La recensione di Luciano Nanni ad 'Amata nobis', dal sito Literary

Ringrazio Luciano Nanni per la recensione - che riporto qui di sotto - apparsa sul sito www.literary.it.






"Basato sulla vicenda di Bellezza Orsini, processata per stregoneria nel 1528, il romanzo poi sviluppa una gran parte di fantasia, creando personaggi o modificandone altri; un esempio, l’età della Orsini, abbassata da sessanta a circa quarant’anni. Marco Calisto (Callisto) da Todi ripercorre la storia di questa donna che, sottoposta ai rigori dell’Inquisizione, morirà sotto i tratti di corda (almeno nel romanzo). 
L’inquisitore è un “fedele servitore della Santa Madre Chiesa” e sembra, a sentir lui, che tutto sia stato fatto con onestà d’intenti. C’è da chiedersi come si può credere a eventuali confessioni estorte con la tortura, senza tener conto della indecorosa nudità della vittima. La figura della Orsini comunque esce qui a tutto tondo. Che vi sia invenzione, col passare del tempo diviene meno rilevante. La scrittura, di cui si segnala l’acribia, svolge un secondo piano form…

La nostalgia

"La nostalgia non è un sentimento estetico, e non è neanche legata al ricordo di una felicità, si ha nostalgia di un luogo per il semplice fatto di averci vissuto, poco importa se bene o male, il passato è sempre bello, e in effetti anche il futuro, a far male è solo il presente, che portiamo con noi come un ascesso di sofferenza che ci accompagna tra due infiniti di quieta felicità". Michel Houellebecq, 'Sottomissione'