Passa ai contenuti principali

Quando finisce l'amicizia

Grazie a un'amica storica, compagna di tante confidenze da più di trent'anni, ho avuto modo di leggere un articolo che mi ha toccata profondamente. E' la storia di un'amicizia e della sua fine; la cronaca - molto dolorosa - di ciò che accade in questi casi. Di quando, cioè, non ci si riconosce più e si prova addirittura rigetto nei confronti di chi si è amati con allegria, trasporto, complicità.
Forse è vero quel che diceva qualcuno: uccidiamo proprio ciò che più amiamo. Si cambia, ci si evolve, o forse no, muta la prospettiva, il desiderio, la visione delle cose. Ed è sempre tremendo, anche - e proprio perchè - non si è stati capaci di dirselo. Ma il peggio viene dopo. Per tutto quel passato che torna, improvviso, mentre sei intenta a fare altro: memorie sparse qui e lì, fotografie di viaggi incredibili, matte risate, problemi e immancabili inciampi. Le storie, la vita: gli uomini che passano, che scopri essere mediocri o che sei destinata a rimpiangere per sempre (gli addii dati sempre alle persone sbagliate di cui cantava Fossati).
E poi accadono gli sporadici incontri, magari alla cassa del supermercato, in un imbarazzo palpabile, con la volontà di evitare frasi di circostanza, proprio per rispetto alla verità che c'è stata. E invece la frase, scontata, arriva, con quel classico 'tutto bene?' che non chiede nessuna risposta. Arriva perchè non si è più capaci di scendere in profondità, perchè le promesse sono state tradite e non si è stati all'altezza dell' avere cura, del dirsi la verità, anche quella più dolorosa. Chi è a rompere per primo? Il più cinico, il più forte, quello abituato agli strappi o solo il più fragile, che teme il distacco come la peste? Fatto sta che il ramo è stato tagliato, che il telefono resta muto, anche se il numero di chi non c'è più lo conosci a memoria.
Si cambia, ma forse non muta l'essenza profonda, quella che abbiamo conosciuto bene, o anche solo sfiorato: la parte che abbiamo smesso di amare, fatta d'ombra. Quella che non abbiamo saputo (veramente) accettare.

Commenti

  1. E' proprio così: è capitato anche a me. Si deve avere il coraggio di dirlo chiaro e tondo, senza mezzi termini. Quando, invece, si tenta di essere accomodanti si finisce solo per risultare noiosi e persino odiosi. Meglio la chiarezza che magari all'inizio fa male che un lento morire...

    RispondiElimina
  2. Amico caro, ci formiamo attraverso i distacchi, ma i fallimenti restano come cicatrici, se non siamo riusciti a trasformare.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…