Passa ai contenuti principali

Granada

Mi vedo nei tramonti e un formicaio di gente cammina nel mio cuore.
Federico G.Lorca




Il clima, l'arancione dei frutti, il cielo senza una nuvola. Granada, per il turista che la visita per la prima volta, è questo: odore di cumino, canti in strada,  danze. E' il sogno alternativo alla vita che fai. Perchè sfido chiunque a resistere a un clima così stordente, a un cielo così luminoso, al brulicare di tanta umanità.

Granada, Semana Santa

Alhambra, giardini


L'Alhambra si staglia in lontananza, ma la si può raggiungere superando le agitate strade del centro: all 'Albaicìn inizia un'altra Granada, moresca, abbagliante. Prima di incrociare la Carrera del Darro e il ponte che fiancheggia il rio, la via è tutta in salita, aspra, faticosa: conduce alla reggia dei Mori.

Leggo le pagine di Washington Irving, ammaliata dal suo stile denso e, allo stesso tempo, preciso. Washington, che era americano, scriveva e viaggiava molto: all'Alhambra soggiornò a lungo, abitandone le stanze come un intrepido esploratore, a partire dal 1821. Pagina dopo pagina, vengo rapita dalla descrizione del luogo: ma, visitandolo ora, mi sembra di sentirne l'essenza.



Scorci del Generalife




E' un posto per romantici, per visionari. Il luogo per me. Mi sembra di esserci già stata; i portali moreschi, le fontane millenarie, il tiepido, esile zampillìo dell'acqua.
Vedo il solitario, infelice Boabdil andar via, per consegnare la città ai sovrani spagnoli. Ha evitato inutili spargimenti di sangue ma, per tutti, è solo un pavido. E' voltato di spalle, approfitta del buio che cala veloce sulla città, coprendo le case bianche dell'Albaicìn. Non tornerà e non sarà perdonato. Immagino un sorriso triste sul suo volto affilato. Ha scelto la fuga.

In quale vita, in quale tempo, sono stata qui?
Percorrere le viuzze dell'Albaicìn è meraviglioso. Non si sente la stanchezza. Si cede al percorso con uno stupore da ragazzi. "Que miras?", dice una scritta sul muro.


Que miras?

Semana Santa, aprile 2015

A Granada sono sepolti Isabella di Castiglia e suo marito. Ma anche Juana la Loca.
Chiusa tra le pareti della reggia di Tordesillas, Juana avrebbe voluto raggiungere Granada col cadavere di suo marito Filippo.
Ora riposa qui, nella cappella reale.
Ho amato molto questo personaggio, il suo sacrificio in nome del figlio Carlo, la volontà di sfuggire a un destino già segnato. Erano i tempi degli autodafè e dei roghi dell'Inquisizione.

"E' impossibile contemplare certe scene, così perfettamente orientali, senza sentire il bisogno di evocare i primitivi ricordi di un romanzo arabo ed attendevamo quasi di vedere il braccio di una misteriosa principessa che faceva dei cenni dalla galleria o di scorgere degli occhi neri che brillavano dietro le gelosie" (tratto da "Racconti dall'Alhambra", di W.Irving, vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Washington_Irving).

E' tempo di scendere, percorrendo la stretta viuzza lungo il rio Darro, da cui si prendono i vicoli che conducono al quartiere arabo. La casa di Mariana Pineda ora è un albergo-museo. La trovarono a ricamare la bandiera dei rivoluzionari e lei non denunciò i suoi compagni: finì impiccata che era ancora una ragazza (vedi:  http://it.wikipedia.org/wiki/Mariana_Pineda).

Difficile descrivere questo tempo fermo, le risate in strada, il senso di pienezza che si avverte  intorno a sé.
Perché si viaggia, cosa desideriamo conoscere davvero, quali luoghi, quali vite passate?
Ci sarà mai un'epoca,  in cui ci sembrerà di essere a casa nei luoghi noti e non negli 'altrove' che sempre ci seducono?
Granada l'araba, ultimo presidio dei mori, immobile e vivace nel tempo, non risponde.



Calle del Darro



Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…