Passa ai contenuti principali

'Sehnsucht', con Marco Cupellari e Céline Roucher

"Il problema dell'essere umano", mi dice Marco Cupellari, "é il desiderio". 'Sehnsucht', spettacolo prodotto dal Perpetuo Mobile Teatro (http://www.perpetuomobileteatro.eu) su testi dello stesso Marco, ha come tema centrale proprio questo. E' la struggente storia di un uomo che sogna di volare perchè la realtà - così come gli appare - non lo soddisfa. In un crescendo di emozioni, lo spettacolo si concentra su due personaggi che, in fondo, si assomigliano. Lei, la signorina della neve, rincorre ciò che le sfugge, quello che non c'è e, forse, non potrà esserci mai. Lui (Marco Cupellari, maestro del teatro fisico, acrobata, meravigliosa figura scenica), è alle prese con i calcoli matematici che gli consentiranno, a suo dire, di volare. La realtà viene deformata dal nostro sguardo, secondo il principio di Heisenberg e di indeterminazione, e lui non ha dubbi sulla possibilità di superare i limiti imposti dalla fisica. Se, appunto, la realtà non esiste, se possiamo modificarla osservandola, allora potremmo anche volare. Così lui ci prova, disperatamente, senza mai demordere. Un inizio di spettacolo che è già al suo finale: perchè, come abbiamo detto, i desideri sono ciclici e non hanno un vero approdo. Lei Céline Roucher, di cui abbiamo già parlato in questo blog: http://tulliabartolini.blogspot.it/2015/02/continua-la-nostra-passeggiata.html),   in attesa di un aereo che non parte, s'innamora dell'uomo e si offre di tradurre per lui dei testi in lungua straniera. Disperata, cede all'incanto di un amore impossibile, attende il ritorno dell'uomo anche quando tutto è già accaduto, s'immerge nelle querimonie quotidiane, indaffarata a rimettere in ordine le cose, a ristabilire un senso anche dove non può esserci.




Alcune immagini dello spettacolo. In scena, era possibile vedere anche Dario Miranda, autore delle musiche, col suo contrabbasso

"L’obbiettivo della compagnia di cui faccio parte", dice Marco, "è creare spettacoli teatrali di alta qualità che superino le tradizionali categorie del teatro. Vogliamo dar vita a un linguaggio multidisciplinare, capace di comunicare contenuti complessi nel modo più diretto e semplice possibile. Esploriamo il grottesco, per cercare di includere le contraddizioni e forzare i conflni tra commedia e tragedia. Così, deformando la realtà, proviamo a illuminarne il senso profondo".
I personaggi, in scena, hanno sul viso maschere comiche, mentre parlano un linguaggio disperato: ma pure sperano, e s'affidano al desiderio di superare se stessi. Nel volo, nell'inabissarsi e nella risalita, c'è, in fondo, anche la grande sfida dell'Arte, la ricerca della bellezza, il vero senso del viaggio.

Marco Cupellari

(Marco Cupellari si è laureato in Arti e Scienze dello Spettacolo all’Università La Sapienza di Roma; nel 2009 si è diplomato alla Scuola Teatro Dimitri (CH) con un bachelor in Physical Theatre e, nel 2012, sempre in Svizzera, ha conseguito un Master of Arts in Theatre. Dal 2001, lavora come attore e regista sia con compagnie sperimentali come il Teatro Furio Camillo di Roma o il Teatro dei Venti di Modena, sia con realtà più tradizionali come il CTB teatro stabile di Brescia, sotto la direzione di Cesare Lievi. Nel 2011 il suo progetto Master Sehnsucht è stato premiato come miglior spettacolo allo Skena Up international festival (Pristina). Come insegnante ha condotto corsi e laboratori in Italia, Svizzera e Stati Uniti; collabora come docente esterno con l’accademia Teatro Studio di Benevento e la scuola di doppiaggio Good Academy).

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…