Passa ai contenuti principali

"La questione giovanile nella società postmoderna", di Claudio Marotti


Claudio Marotti è una persona che stimo e il suo libro, 'La questione giovanile nella società postmoderna' è un testo complesso, che meriterebbe ben altro spazio e riflessioni che non le mie. Scrivere del disagio giovanile è già una scelta difficile; farlo con l'umiltà e la determinazione che ho visto in queste centosessantasei pagine non è da tutti. E', dunque, questo, un libro importante, che ha come tema centrale i mali della nostra società liquida e postmoderna, le cui cause vengono indagate a fondo. Claudio Marotti ne osserva gli 'attraversamenti', le insidie, le solitudini e gli individualismi.
Leggendo il libro, scorrono davanti ai nostri occhi intere pagine di attualità che sembrano trovare, qui, una - dolorosa, ma necessaria - spiegazione. Capire può essere già 'resistere'. C'è stata la modernità, seguita dalla cosiddetta post-modernità, che ha fatto suoi gli effetti della globalizzazione. Ma cos'è realmente il 'progresso'? Sappiamo chi siano le vere vittime di uno scenario che si fa sempre più fluido, fondato com'è su sabbie mobili? Alienati i valori, lasciato sempre più solo nel meccanismo del mangia-consuma- crepa, l'uomo è preda del mercato, un burattino che fa e disfa in una continua, alienante insoddisfazione. "La questione giovanile nella società postmoderna", edito da Aguaplano, non è il primo libro che Claudio Marotti ha dato alle stampe. Da anni l'autore ricopre incarichi di responsabilità negli interventi a sostegno dei giovani nella Regione Campania. E'  Giudice Onorario presso la Corte d'Appello - Sezioni Minorenni di Salerno, ha collaborato con la facoltà di sociologia dell'Università Cattolica di Milano e ha pubblicato "La specificità del movimento sindacale italiano"(2006) e "Giuseppe Di Vittorio, L'uomo, la storia , il pensiero"(2008).

"Senza appartenenza", scrive Marotti in questo straordinario testo, "non c'è neppure riprovazione collettiva". Senza riprovazione, senza valori, senza limiti, la società post-moderna accelera la sua corsa verso il baratro: nessuno e nulla può più fermarla.
E cos'è mai il progresso, parola abusata e priva del suo originario significato, se l'uomo non cambia, ma cede all'idea e al bagliore delle passioni tristi?
"La mancanza di un futuro come promessa", sottolinea il Marotti citando Umberto Galimberti, "arresta il desiderio nell'assoluto presente. Meglio star bene e gratificarsi oggi se il domani è senza prospettiva".
Le dinamiche sociali del nostro tempo riguardano il clima complessivo che ha investito tutto il mondo moderno, soprattutto quello occidentale. Che mai è apparso, come adesso, così contraddittorio, in bilico, capace di influenzare (negativamente) i giovani: chiusi in un labirinto asfittico, nell'impermanenza perpetua, vagano senza sogni. Ma Marotti, che conosco e che apprezzo, non è affatto un pessimista. Crede nell'arte e nella cultura quali strumenti per non chiudersi in se stessi, per vincere il disagio sociale, per opporre la bellezza al modello consumistico. "Bisogna pensare la società in modo diverso, ricostruirla recuperando il passato e immaginandolo quale veicolo di valori profondi. La tecnica arida, fredda e senz'anima, non può dar più risposte, a questo occidente in crisi. Servono sensibilità e cultura. Quella che nasce dal basso, non quella istituzionale".

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…