Passa ai contenuti principali

Loredana La Peccerella, tra realtà e fantasia

Sono alla seconda intervista a un'artista che considero 'resistente'.

Anche questa volta, si tratta di una donna e di un'amica, Loredana La Peccerella.

Una bella immagine di Loredana

Siamo davanti ad uno schermo muto, accoccolate sul divano di casa sua, davanti a un buon caffè.
"La voglia di esibirmi è nata in me sin da bambina, con la partecipazione a uno Zecchino d'oro di tantissimi anni fa...Spedii il tagliando ritagliandolo dal giornale, senza nemmeno imbustarlo, e fui convocata. Il brano era 'Quarantaquattro gatti'".

Loredana La Peccerella ironizza, come sempre ama fare, su se stessa e sul suo approccio al palcoscenico. Ha fatto teatro per anni, coltiva progetti anche adesso - uno pure con la sottoscritta, ancora in fase di elaborazione - , cercando di conciliare le sue molte vite (anche quella di insegnante) in una sola.

"Ho fatto parte della Cooperativa Artisti Riuniti Sanniti: ballavo e cantavo nel coro. Quindi è arrivato il tempo di 'Radio Benevento Libera', un esperimento ricco e divertente in cui mi occupavo di un intero programma, assieme a un'amica".

"E i 'Temperafusibili'?", chiedo. Una delle prime compagnie teatrali beneventane.

"Beh, con quelli sono andata in giro per l'Italia: ricordo tappe come Napoli, Pomezia. Era un teatro di avanguardia e diffuso, dietro cui c'era un grosso lavoro sul corpo e sulla voce. Insomma, teatro di emozioni e di parole, cui è seguito il Laboratorio  'Maloeis', per circa tre anni. Ho avuto professori di altissimo livello, che mi hanno insegnato a usare i gesti e la voce".
Un momento di 'Processo a una strega', col maestro Vanni Miele


Cicli, che si sono aperti e chiusi, come la Scuola di teatro per ragazzi, 'Il siparietto'.

"Poi accade che si manifesti una sorta di contrasto tra arte, in questo caso il teatro, e la cosiddetta normalità. Tra ragione e vena artistica. Non è facile esprimere col corpo e con la voce ciò che chiamiamo realtà. L'artista adatta sempre le vicende ai piani della fantasia. Questo potrebbe produrre uno scollamento rispetto alle cose, è pericolosa".

"E' l'eterno problema".

"Sì, la necessità di tenere i piedi ben saldi a terra...Ma chi ha qualcosa da raccontare ci ricasca, prima o poi. Non smetti mai di farlo, fosse pure da solo, al buio, in una stanza. Cerchi sempre di utilizzare il tuo linguaggio, e non t'importa se è fuori dal comune".
"Cosa cerchi, nei personaggi di cui racconti o a cui devi dare voce?".

"La possibilità di vivere mille vite diverse. Di calarmi fino in fondo in quelle vite. Toccare tutte le corde possibili".

"E oggi, secondo te, quale futuro ha il teatro?".

"Il teatro ha un suo tempo dilatato, che chiede - e impone - agli spettatori. Che, oggi più che mai, sono distratti, rapiti da altre dinamiche. Lo spazio teatrale deve essere dunque trasformato, bisogna scoprire qualcosa di nuovo, riprendere contatto con la sensibilità reale, non quella imposta dal mercato. Solo così il teatro potrà sopravvivere, distinguendosi, risvegliandoci da questo sonno ".
Loredana La Peccerella con Ugo Gregoretti

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…