Passa ai contenuti principali

Palermo, nonostante

A Palermo tutto langue, sospira. La ripresa sembra lontanissima. Il palazzo semi crollato che sorge dinanzi al Comune, nella Piazza della Vergogna, é l'emblema di ciò che ancora la città patisce.


Immagini del mercato di Ballarò







Ballarò. Le foto sono mie, ndr.

Per capirla, questa Palermo disincantata, occorre abbandonare la zona periferica  o la nuova area residenziale e dirigersi dentro il suo cuore più autentico.
Innanzitutto, Ballarò, in mano agli africani, agli immigrati, territorio di spaccio, prostituzione. Al mattino, il suo mercato ancora resiste. Con le verdure, gli odori, il pesce messo sui banconi, in bella esibizione di sé.
Mi dicono che non ci si trovi più la buona mercanzia di una volta e che manchi la ressa festosa dei tempi andati.
La trappola della grande distribuzione, così poco sana e assai poco certificata, ha colpito anche la Sicilia. Dove perfino a Pachino i pomodori arrivano dalla Tunisia. La Vucciria ritratta da Guttuso non esiste più. Il crollo di una palazzina ha costretto i venditori ambulanti ad evacuare.
La Kalsa, antica quartiere arabo, a dimostrazione che Palermo è sempre stata multietnica, è invece in piena ripresa. Le strade sembrano libere dal traffico di motorini e lambrette; appaiono meno devastate dalla sporcizia e, qui e lì, si aprono locali che offrono cibo biologico e di qualità.

Negli antichi palazzi (quello della famiglia Mirto si visita ed è a due passi da Piazza Marina, la più bella, a mio avviso, di Palermo), si respira ancora la pomposità di un tempo, delle ricche discendenze palermitane. Tutto stride col 'fuori', col caos, con la sporcizia, il chiasso. Poche le isole pedonali, i commercianti non vogliono, ma il turista di passaggio soffre lo smog, l'odore della miscela dei motorini che invade le narici, il nero dei palazzi, aggrediti dai gas di scarico delle auto, invade la sua visuale.

Di lontano, si intravede il mare, quasi un ospite, silenzioso e distante.
Custodisce forse i segreti delle famiglie normanne, con la sua perpetua iridescenza, simile ai mosaici delle volte del palazzo di Re Ruggero.

Enzo Sellerio amava dire che Palermo è una città a strati, e aveva ragione.
Non finisci mai di scoprirla e, anche quando ti infastidisce, provoca un effetto che assomiglia a un attaccamento.
Insomma, sei certo che ci ritornerai.
Pensi pure che 'è un peccato', e che vuoi capirci di più.
In tutta quell'immensa umanità, quel calore che viene da dentro, in tutto quel disordine meraviglioso, irregolare, l'ammaccatura di un passato che rivendica tutta la sua bellezza, a dispetto del presente, Palermo trionfa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…