Passa ai contenuti principali

Gianni Manusacchio: un Simposio nel tempo della crisi

Esiste ancora un luogo gentile, dove le persone sorridono e c'è verità e rispetto?

Se penso a certi piccoli paesi arroccati, e a scene della mia infanzia, mi rendo conto di quello che abbiamo perduto.
Ma c'è chi non si arrende.

Gianni Manusacchio non è nuovo a progetti di riqualificazione del territorio.
E' una persona poliedrica, attiva, piena di interessi. Soprattutto, crede nel rispetto di certi valori.
Io, di queste persone, amo dire che operano in nome di una 'bellezza resistente'.

In qualità di direttore artistico ha già diretto vari incontri e manifestazioni dedicati al Molise, terra in cui vive e che ama.
Dopo ‘Il Molise non esiste’, titolo provocatorio dato al tour culturale promosso lo scorso anno, stavolta è stato il turno di ‘Non è per cattiveria – la cultura ai tempi della crisi’, Simposio svoltosi a Ripalimosani (CB) il 26 settembre scorso.

L’edizione 2014 è partita in modo informale con la presentazione del progetto sperimentale Qr-code “Ripalimosani virtual tour” a un gruppo di studenti di scuola media. L’approfondimento storico sulla croce viaria del 1562 è avvenuto attraverso lo smart-phone: la tecnologia al servizio dell’arte, almeno per questa volta!


L’intensa giornata è proseguita con l’incontro svoltosi presso il Palazzo Marchesale, dove si è discusso con gli amministratori dell’hinterland campobassano sulle potenzialità di sviluppo del territorio in ambito turistico. Il Molise resta una terra ancora sconosciuta, quasi isolata dal contesto nazionale, ricca di tradizione, e di promesse mancate.


Nel pomeriggio, sempre nel Palazzo, si è svolto il Simposio “Arte e nuove tecnologie”, cui hanno partecipato lo storico dell’arte Giulia Severino, l’archeologo Walter Santoro, l’esperto di comunicazione Luca Mastrangelo, il giornalista e scrittore Roberto Colella, il filmaker William Mussini, gli imprenditori Silvia ed Andrea Cianciullo, l’esperto web e partner tecnologico del progetto Qr-code Carmine Santoro di webdomus Italia, oltre a tanti cittadini. La volontà comune dei partecipanti è stata quella di fare rete tra i professionisti di settore delle varie realtà locali, per poter sviluppare progetti autonomi – e poco costosi - come quello presentato.

A chiusura dell’evento, nella Chiesa Madre, si è svolta la performance musicale del Circolo “Mascagni” di Ripalimosani e del “Coro Polifonico” di Montagano. Letture e interventi sul tema della Sacra Sindone (di cui la parrocchia possiede una copia cinquecentesca) hanno intervallato i brani di Mozart ed Handel, che sono stati eseguiti con strumenti popolari, quali il mandolino e la chitarra. L’evento è stato promosso dall’Associazione Culturale Ouverture, in collaborazione con il circolo Mascagni, il patrocinio della Regione Molise e la Provincia di Campobasso, e con il contributo del Comune di Ripalimosani.

“Valorizzare e promuovere il territorio è la priorità che ci siamo dati. E’ fondamentale riscoprire le proprie origini, tramandarle, sottolineando il patrimonio culturale che caratterizza una comunità. Ci abbiamo sempre creduto e ci continuiamo a credere", ci ha detto Gianni Manusacchio. “Anche quest’anno, con un piccolo contributo istituzionale e con una versione più ridotta dell’evento, abbiamo voluto dare continuità al nostro progetto. Noi non molliamo: il futuro è nel territorio e nei suoi valori”.

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…