Passa ai contenuti principali

Cambogia, un racconto fotografico

Per parlare della Cambogia si potrebbe cominciare proprio dalla frase riportata nella foto qui di sotto, che la dice lunga sulla saggezza dei cambogiani.
La scuola delle torture, l'S21

Quella stessa saggezza che ha consentito a un popolo tanto martoriato - il cui 70 %, oggi, è composto solo da giovani al di sotto dei trent'anni - di superare gli anni della Kampuchea democratica, dell'auto-genocidio e dell'orrore. Ho visitato la scuola della capitale dove i dissidenti - o presunti tali - venivano torturati. L'S21 prendeva il nome dalla radiofrequenza locale. La guida che ci accompagnava è uno dei pochi sopravvissuti allo sterminio. Ha perso il padre, due sorelle e un fratello, durante il regime dei nove. Ce lo ha raccontato mentre eravamo seduti su una panchina, nel cortile della scuola, in cerca di refrigerio. Lui - che si chiama Iv Sor ed è una persona amabilissima, oltre che un'ottima guida parlante italiano - faticava a raccontare. E non era certo per il caldo.


Scatti 'rubati'

Come si può descrivere la Cambogia? Ho già parlato, in un altro post, degli anni di Pol Pot. Qui mi affiderò prevalentemente alle immagini, alle fotografie che ho scattato. Parlerò di visioni e di emozioni, non di politica. Perchè, soprattutto, la Cambogia é un paese da vedere, da visitare. Soffocante. Luminoso, abbagliante. Con i suoi odori, il sole morente al tramonto, i vapori di vino, di erbe putride.


Le ninfee del Palazzo Reale di Phnom Penh
Il Mekong



Rivedo donne operose intente al lavoro, ponti sospesi su corsi d'acqua. Risento il vociare confuso nei vicoli sterrati, m'avvolge il profilo d'ambra delle case sull'acqua. Eccomi ancora nel chiasso, tra le contrattazioni, nel mercato russo di Phnom Penh.


Mercato russo

Intorno a me, davanti a me, i cani di Kampong Thom, le impalcature di bambù che imbragano i palazzi in costruzione, la sporcizia. Le tarantole fritte, i bambini col moccio al naso. A proposito: i bimbi cambogiani sono di una bellezza incredibile. E poi, tra casa e casa, rivedo le ragnatele di fili elettrici...


Venditrice di tarantole fritte
I chioschi che traboccano di cibo lungo il Mekong, o nei mercati che costeggiano le strade; i motorini ingombri di merci, carichi fino all'inverosimile di persone, e cose.


Carrying Cambodia
Lungo il fiume, a Kampong Thom


Il sorriso dei cambogiani è dolce ma indecifrabile: non sono presenti, ma neppure distanti. Hanno volti che ricordano le pietre eterne del Bayon. O di Angkor Wat, una delle meraviglie del mondo moderno. Dalle visite ai templi si torna come frastornati. Resiste - esiste! - la bellezza capace di reggere a ciò che è disumano, atroce, inenarrabile. La Cambogia è questo: si difende sfuggendo al presente, restando misteriosa e impenetrabile. Eppure è nuda nella sua disarmante, malinconica resa ai nostri occhi di turisti e di fotografi.



Angkor Wat


"Siamo viaggiatori occidentali in cerca di una civiltà non ancora ferita dal progresso (...). Viaggiatori in cerca di esotismo e di povertà da amare", scriveva Tiziano Terzani. Però di certi luoghi ci innamoriamo veramente.

Un indovino benedice il mio braccialetto di stoffa 
SE VI VA, DATE UN'OCCHIATA A QUESTO SITO: http://eventrip.it/eventi/la-festa-delle-acque/

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…