Passa ai contenuti principali

Ishmael di Daniel Quinn

"Il problema dell'essere umano è che non sa come deve vivere".
Nella foto, Danile Quinn
"Ishmael", di Daniel Quinn, è un magnifico libro, capace di catturare emotivamente il lettore. Guarda alle cose senza patetico, adoperando una scrittura semplice, capace di arrivare al dunque.

"Ishmael" parla del mondo, dell'ambiente, dell'Uomo. E' dolorosamente attuale, nonostante gli anni trascorsi dalla sua prima edizione: avanziamo a passi spediti verso il baratro, figli del progresso, incapaci di fermarci, dice Quinn.
Madre Cultura ci ha mentito ('Vale di più un caffè con un amico che tutti i libri che ho letto nella mia vita', recitava il novello Cristo del film di Olmi, 'Cento chiodi'),costringendoci in gabbie fatte di menzogne. Ci ha sradicati, consegnati al dio mercato. Ci ha voluti soli, sempre più incapaci di legami. Ha svilito ogni principio, eliminato il peso e il valore della saggezza antica; ha distrutto il nostro rapporto con la terra e, soprattutto, con le Leggi della Natura. Non è un caso che un testo come questo non verrà mai proposto tra i libri scolastici. Eppure avrebbe molto da insegnare ai ragazzi, senza avere la pretesa di proporre verità assolute. Come scriveva Albers, "Un buon insegnamento è più un dare giusti interrogativi che giuste risposte".
Questo libro, in più, non mente. E non mente il suo autore quando ci dice, a lettura finita, che quello, per lui, è molto di più che un romanzo. Leggetelo, scaricatelo da internet, inviatelo alle persone a cui volete bene. Fatelo girare, commentatelo, discutetene.

Quinn non è certo l'unico scrittore ad aver avuto uno sguardo lungo, capace di cogliere l'essenza di ciò che sta accadendo al mondo. Esiste un'ampia letteratura che si è occupata e si occupa di questioni simili; e molti film, cortometraggi, romanzi e saggi. Ma di 'Ishmael',e della sua 'umanità', vi innamorerete come capita di rado, e solo con i grandi libri.

(Daniel Quinn nasce nel 1935 nel Nebraska, Usa. 'Ishamel' gli ha fatto conseguire un Award nel 1991. Si è autodefinito 'critico culturale' poichè, attraverso le sue opere, ha messo in luce le falsità scientifiche e le fallaci logiche dei sistemi culturali mondiali. Nel 2012 ha pubblicato la raccolta di racconti 'At Woomeroo').

Commenti

  1. Quello che hai scritto in questo post mi rimanda ad altro concetto: la nostra cultura, la nostra religione ci hanno insegnato ad amare gli altri, dimenticandoci di noi stessi. Ed è forse questo il più GRANDE INGANNO, il più GRANDE CRIMINE a cui non possiamo porre rimedio. L'amore è per l'anima come l'acqua per l'essere vivente... ma i sepolcri imbiancati hanno voluto che noi trascurassimo la nostra anima, negandole il miglior nutrimento per darlo ad altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per quinn l ' uomo non sa come deve vivere , così si affida ai diktat esterni...esistono invece , dice sempre quinn, leggi interne alla natura da cui lui non può prescindere , se vuole salvare quella che può definirsi 'anima'...

      Elimina
    2. ... infatti, non avendo letto il libro, non ho potuto far altro che rimandare il ragionamento ad altro concetto. In effetti, avrei dovuto evitare di commentare il post.

      Elimina
  2. Dov'è possibile trovare il libro in italiano???
    Anche non cartaceo…
    Grazie mille!

    RispondiElimina
  3. Da ' un 'occhiata al sito www.artempori.it. Cerca e vi troverai questo stesso mio post e , in fondo , allegato , il testo completo. Se hai difficoltà, te lo invio a mezzo mail. Buona lettura !

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…