Passa ai contenuti principali

Josef K., ovvero del bancario medio

C’è un signore molto distinto, di cui non faccio il nome, che, talvolta (e sempre temendo di essere invadente), mi parla di libri e di poesia.
Il fatto è che non è semplice parlare di letteratura nel contesto in cui io lavoro.
Ma lui mi aggiorna, con aria compita, lasciandomi ritagli di giornale che potrebbero interessarmi e andando via subito dopo. Una volta mi ha detto, en passant, che c’era, nei miei versi, “come una ricerca … nei confronti di qualcosa che è apparso per un momento e che poi è scomparso”.
L’altro giorno mi ha fatto dono della pagina culturale del ‘Corriere della Sera’ dove c’era un bell’articolo di Sergio Bocconi dedicato ad autori come Pontiggia - ma anche Kafka – e al lavoro in banca. L’ho letto avidamente perché l'autore dell'articolo cercava di comprendere come mai quest’attività professionale abbia ispirato tanta letteratura e pagine d’inchiostro.
Molti anni fa, scrive Bocconi, ‘il lavoro del bancario rappresentava il miglior traguardo possibile dati i livelli retributivi, la tranquillità di posizione e la garanzia di una carriera, seppur assai lenta’.
Prestigio, status sociale, valorizzazione personale. Così si è sempre creduto. Invece, nelle pagine scritte dedicate a questo mestiere, prevale l’oscurità di una professione routinaria e dominata da piramidi gerarchiche, come anche Italo Svevo ricorda nel suo ‘Una vita’, o come scrive Pontiggia ne ‘La morte in banca’, dove un settorista addirittura si suicida. Ricorda Giampaolo Rugarli, anche lui ex bancario: “A mia memoria mai si conobbero prestatori d’opera più infelici e, chissà perché, più invidiati". Appiattimento delle carriere, livellamento delle professionalità: anche di questo è fatto il lavoro del bancario. “Resta ormai solo l’idea della sicurezza del posto: mi angoscio, mi deprimo ma, fuori di qui, dove vado?”, scrive ancora Rugarli.
Moneta elettronica, internet banking, ATM, hanno finito con lo spersonalizzare il ruolo del bancario e forse, oggi, neppure di sicurezza dell’impiego si può più parlare.
Cosa scriverebbero, adesso, autori come Pontiggia e Svevo, dinanzi a un ulteriore abbrutimento della vita del bancario? Cosa farebbero dire ai loro impiegati? Sarebbero d’accordo con Bauman (che, difatti, Bocconi cita nel suo articolo), che aveva tutto già previsto anni fa nei suoi testi sulla ‘liquidità’? E cosa denuncerebbe T.S.Eliot, anche lui bancario infelice ed ispirato (tristemente) dal suo lavoro? Infine, quale altro capolavoro saprebbe regalarci il meraviglioso Franz Kafka, protagonista il suo Josef K., condannato a non sapersi difendere dall’ingiustizia del sistema?



 
 

Commenti

  1. In tempi di mestissima crisi come questa, persino un posto di usciere può suscitare invidia. La sicurezza di avere uno stipendio ben remunerato, la possibilità di contrarre un mutuo, ferie pagate ecc. sono sicuramente cose di non poco conto. Poi, in genere, si confonde il banchiere con l'impiegato di Banca che nell'immaginario comune appaiono erroneamente come sinonimi. Il testo da te citato, evidentemente, fa riferimento ad altri ambienti, dove fare l'impiegato viene visto come una sorta di ripiego, e quindi assume tutt'altro significato. In provincia l'impiegato tipo è, di solito, una persona raccomandata, arrivata in quel posto senza nemmeno fare un concorso. Naturalmente non è sempre così e adesso anche le Banche si vedono costrette a ridurre il personale. Ma comunque, almeno qui, il "mito" rimane. Ciao.

    RispondiElimina
  2. Grazie, Pierluigi, per la generosità con cui mi segui e commenti. In realtà, l'articolo che cito sottolineava il collegamento tra questo specifico lavoro e l'ispirazione letteraria che ha sempre suscitato. E si interrogava sui motivi di questa 'ispirazione'. Non a caso, da sempre si dice che il lavoro del bancario è un lavoro 'kafkiano'. Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo argomento ti consiglio un bellissimo lavoro di Pessoa che ho letto e ho trovato illuminante: IL BANCHIERE ANARCHICO.

      Elimina
  3. Mi manca, non l'ho letto. Come tutte le persone sensibili, doveva aver capito molte piu' cose degli altri ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti interessa il cinema, invece, ti posso consigliare questo vecchio telefilm con un insuperabile Paolo Stoppa: Accadde a Lisbona.

      Elimina
  4. Potremmo allora dire che anche Lisbona e il Tago hanno ispirato autori, attori e letteratura! Io la trovo una città bellissima.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…