Passa ai contenuti principali

Il ballo, di Irene Nemirovsky

Un ballo, l'ingresso nella borghesia che conta.
Lei è un' ex dattilografa che sempre invidia i ricchi e lui un ebreo divenuto potente attraverso le speculazioni di borsa. Nel mezzo, innocente, la loro unica figlia, nata per caso e, forse anche per questo, mai amata.

Il ballo è previsto per le nove di sera nella grande casa appena acquistata dai genitori di Antoinette. Sarà, secondo i loro desideri, solo l'inizio di una vita da consacrare alla mondanità, alla fatuità, al benessere. Ma qualcosa sfugge agli stessi coniugi, li mangia da dentro, rendendoli crudeli. In questa vicenda, dalla trama apparentemente banale, splende tutto il genio e lo sguardo di una scrittrice che il destino ha voluto strappare alla fama troppo presto. Presto, ma non per sempre, almeno finché una delle figlie, per un caso fortuito, non le ha riconsegnato un posto nella storia della letteratura mondiale.

La vita di Irene Nemirovsky finì in tragedia, così come tragico e pessimista fu il suo sguardo sull'animo umano. La morte per tifo la colse ad Auschwitz. Aveva però fatto in tempo a consegnare alle figlie, e ai loro genitori adottivi, una valigia piena dei suoi scritti.

Ne 'Il ballo' si critica la borghesia che rifioriva dopo la prima guerra mondiale: con la sua brama di denaro, l'ascesa economica a tutti i costi.
Antoinette, la protagonista, è vittima di tutto questo: dell'apparire, dell'avidità, del vuoto di sentimento dei suoi genitori. Che usano gli altri - e perfino se stessi - per scalare i salotti bene della città, da 'poveri arricchiti' quali sono. Non c'è una sola parola sincera , per la fanciulla, che nessuno ascolta e comprende. Inosservata, la bimba vede invece molto chiaramente ciò che accade intorno a sè e finirà col vendicarsi in modo tremendo, usando i soli strumenti che le abbiano insegnato.

(In questa foto, la Nemirovsky è col marito, morto anche lui in un campo di concentramento, e le due figlie).

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…