Francesco, di Mario Bertin

"Passava da un estremo all'estremo opposto. C'erano giorni che bruciavano nell'estasi (...). Una fiamma in cui pareva volersi liberare, come di un peso, di tutto. E giorni in cui precipitava in uno stato di isolamento stupefatto, tagliato fuori dall'animazione del mondo consueto. Correva ancora alla preghiera, ma disperatamente (...). E, infine, ce n'erano altri di giorni,simili a quelli di sempre, simili a quelli di un tempo, quando la vita con le sue occupazioni e i suoi deliri lo travolgeva e lo ubriacava, colmandolo di serenità e spensieratezza. Mai la sua vita era stata così libera, o forse così vuota, e mai i suoi sentimenti erano tanto dipesi dagli atteggiamenti degli altri. Un perdente: ecco come appariva. Doveva spezzare l'incanto, e riprendere in mano il suo destino. Ricominciare a tessere il disegno della sua avventura. Doveva scegliere. Solo così avrebbe ritrovato il senso perduto, la direzione al suo disorientato vagare".

Commenti