Veniero Scarselli

“Io non sono poeta; anzi, colgo l'occasione per pregarti di non scriverlo più sulle buste, poiché l’unico titolo che riconosco, se proprio vuoi adularmi, è quello di Libero Pensatore (...). Ammetto senza alcun ritegno di non amare neppure la poesia, almeno come la intendono loro. Neppure la mia, quella scritta prima degli anni ‘settanta, epoca in cui mi sono deciso a buttarla nel cesso. La nuda verità (di cui più non mi vergogno) è che, piuttosto che leggere o scrivere prosa o poesia di intrattenimento, ermetica, intimistica o minimalistica, preferisco stare a contemplare le mie sagge pecorine mentre brucano l’erbetta scegliendola sapientemente foglia a foglia".(V. Scarselli, lettera privata).

Commenti