Passa ai contenuti principali

Consigli di Gurdjieff alla figlia Reyna

Fissa la tua attenzione su te stesso- Sii cosciente in ogni istante di quello che pensi, senti desideri e fai- Termina sempre quello che hai cominciato- Fai quello che stai facendo, il meglio possibile- Non ti incatenare a niente che alla lunga ti distrugga- Sviluppa la tua generosità senza testimoni- Tratta ogni persona come se fosse un parente prossimo- Ordina quello che hai disordinato- Impara a ricevere, dai la grazia per ogni dono- Smetti di autodefinirti- Non mentire e non rubare, se lo fai, menti e rubi a te stesso- Aiuta il tuo prossimo senza farlo dipendente- Non desiderare di essere imitato- Fai piani di lavoro e compili- Non occupare troppo spazio- Non fare rumori né gesti non necessari- Se non ce l'hai, imita la fede- Non ti lasciare impressionare da forti personalità- Non ti appropriare di niente e di nessuno- Riparti equamente- Non sedurre- Mangia e dormi lo stretto necessario- Non parlare dei tuoi problemi personali- Non emettere né giudizi né critiche quando non conosci la maggior parte dei fatti- Non stabilire amicizie inutili- Non seguire le mode- Non ti vendere- Rispetta i contratti che hai firmato- Sii puntuale. Non invidiare i beni o i successi degli altri- Parla solo il necessario- Non pensare a i benefici che ti procura il tuo lavoro- Non fare mai minacce- Realizza le tue promesse- In una discussione mettiti al posto dell'altro- Ammetti che qualcuno ti superi- Non eliminare, trasforma- Vinci le tue paure, ognuna di loro è un desiderio che si camuffa- Aiuta il prossimo ad aiutare se stesso- Vinci le tue antipatie ed avvicina la persona che vorresti allontanare- Non agire per reazione a quel che dicono, bene o male, di te- Trasforma il tuo orgoglio in dignità- Trasforma la tua collera in creatività- Trasforma la tua avarizia in rispetto per la bellezza- Trasforma la tua invidia in ammirazione per il valore degli altri- Trasforma il tuo odio in qualità- Non ti mortificare e non ti insultare- Tratta quello che non ti appartiene come se ti appartenesse- Non ti lamentare- Sviluppa la tua immaginazione- Non fare propaganda dei tuoi lavori o delle tue idee- Non cercare di provocare negli altri emozioni verso di te, come pietà, ammirazione, simpatia, complicità- Non cercare di distinguerti per la tua apparenza- Non contraddire mai, solo stai in silenzio- Non fare debiti, acquista e paga subito- Se offendi qualcuno chiedigli perdono, se lo hai offeso pubblicamente, scusati in pubblico- Se ti sei reso conto di aver detto qualcosa di sbagliato, non insistere per orgoglio in questo errore e abbandona immediatamente i tuoi propositi- Non difendere le tue idee antiche solo per il fatto che sei stato tu ad enunciarle- Non conservare oggetti inutili- Non ti adornare con idee di altri- Non fare fotografie insieme a personaggi famosi- Non rendere conto a nessuno, sii il tuo proprio giudice- Non parlare mai di te senza concederti l'opportunità di cambiare- Accetta che niente è tuo- Quando ti chiedono la tua opinione su qualcosa o su qualcuno, di' solo le sue qualità- Quando ti ammali, al posto di odiare questo male, consideralo tuo maestro- Non guardare di nascosto, guarda fissamente- Non dimenticare i tuoi morti, ma dagli un posto limitato che gli impedisca di invadere la tua vita- Nei locali dove abiti consacra sempre un posto alle cose sacre- Quando fai un servizio, non mettere in risalto i tuoi sforzi- Se decidi di lavorare per gli altri, fallo con piacere- Se dubiti tra il fare ed il non fare, rischia e fallo. Non cercare di essere tutto per il tuo compagno, consenti che cerchi in altri quello che tu non puoi dargli- Quando qualcuno ha il suo pubblico, non intervenire per contraddirlo e rubargli l'udienza- Vivi di soldi guadagnati da te stesso- Non ti gloriare di avventure amorose- Non ti vanagloriare delle tue debolezze- Non fare mai delle visite ad altri solo per riempire il tuo tempo- Ottieni per condividere-

Commenti

Post popolari in questo blog

Vanni Miele, un musicista eclettico (e, soprattutto, un amico)

A Vanni mi lega una lunga amicizia, basata su interessi comuni, empatia, stima immutata. È un musicista eclettico, una persona misurata e intelligente a cui voglio un gran bene. Abbiamo messo in piedi, assieme, spettacoli multisensoriali e sperimentato percorsi artistici innovativi. Per un lungo periodo abbiamo fatto coppia fissa in progetti dedicati al teatro e alla commistione tra immagini, suoni e parole.
Ho voluto dedicargli un'intervista che meditavo da tempo e che ha a che fare con il percorso che lo riguarda, quello fatto finora ma anche i progetti futuri, e con la libertà che il cammino creativo richiede.

Parlaci dei tuoi inizi.

"Sin da piccolo sono stato attratto dal suono. Ho sempre giocato con il suono. L’ho imitato, dapprima semplicemente, come può fare un bambino, poi l’ho registrato e in seguito ho cominciato a metterlo in relazione con altri suoni, con l’ambiente e con il movimento. Studiare musica ha rafforzato questo mio interesse. Ho constatato quanto, fra gli …

"Minchia di mare", il nuovo romanzo di Arturo Belluardo

Conosco Arturo Belluardo dagli anni dell'Università. Lui, un brillante studente di economia, io una smarrita matricola iscritta alla facoltà di giurisprudenza, 'anima vagula blandula', come si divertiva a chiamarmi lui, persa com'ero nei meandri della L.u.i.s.s.
E' prossimo all'uscita il suo "Minchia di mare" (Elliot Editore) che, a breve, avrò il piacere di leggere. Gli ho rivolto qualche domanda, per questo filo tra di noi che non si è mai interrotto, fatto di scambi di libri, lunghe telefonate, incontri nei vicoli di Napoli (ricordi, caro Arturo, com'erano piccoli i nostri ragazzi?).
Abbiamo in comune l'amore per la parola scritta e per la lettura, io e Arturo. Lui vive nella capitale e scrive da sempre. E' arrivato il momento di confrontarci su questo.





Come nasce la passione per la scrittura, in un bancario come te? 

La mia passione per le storie, siano esse scritte, disegnate o filmate, nasce da prima che iniziassi a lavorare, quindi…

La comunista (Francesca Spada)

Quando lessi 'Mistero napoletano', di Ermanno Rea, riuscii a capire meglio il comunismo napoletano degli anni della guerra fredda. Molti di voi conosceranno questo bellissimo libro, opera di uno scrittore che usa le parole in modo meraviglioso ancora oggi e che non ha mai perso il suo rigore. Lì, tra quelle pagine, inciampai in Francesca Nobili. Musicista, docente di filosofia, ribelle per indole, giornalista dell'Unità (si firmava Francesca Spada): un personaggio da film. L'immagine del romanzo era filtrata dalla penna di un uomo che l'aveva conosciuta bene e che doveva averne sperimentato su di sè tutto il fascino controverso. Mi sarebbe piaciuto - l'avevo detto a un caro amico che mi aveva regalato 'Mistero napoletano'- scrivere una storia su di lei, dandole un volto. Difficile reperire immagini di Francesca in rete. Anzi, impossibile. La immaginavo ardente, intensa: scura di capelli, forse. In libreria, qualche giorno fa, un volto mi ha attratto, ir…