Sappiamo?

"Sappiamo cosa significhi amare? O conosciamo solo il piacere e il desiderio, che chiamiamo amore? Si dipende dalla propria moglie, si ama la propria moglie ma, se lei muore, se ne prende un'altra, tanto grande è la dipendenza. Non ci si chiede mai perchè si dipenda da un altro (...). Se esaminerete bene la cosa, vedrete come siete soli, depressi, come siete frustrati e infelici. Non sapete cosa fare con questa solitudine, che è una forma di suicidio. E così, non sapendo cosa fare, dipendete (...). Ma, se amate, allora potete fare ciò che volete. Per l'uomo che ama, non esiste errore - o, se c'è un errore, lo corregge immediatamente. Un uomo che ama non ha gelosia, rimorso; per lui non esiste perdono, perchè in nessun momento ci sono cose da perdonare. Tutto ciò esige grande attenzione, sollecitudine, penetrazione". J.Krishnamurti

Commenti

  1. Il piacere e il desiderio - a mio parere - hanno poco a che fare con l'amore.
    Amore era figlio di padre Bisogno e di madre Povertà... E qui vi è anche la risposta della "dipendenza"...
    La fine della dipendenza si ha solo con la "liberazione" attraverso un completo processo di "reintegrazione" nell'UNO.

    RispondiElimina
  2. '...e solo allora l'amore sarà possibile veramente'.

    RispondiElimina

Posta un commento