Niente si oppone alla notte

"Niente si oppone alla notte" è l'ultima pubblicazione, in Italia, della scrittrice francese Delphine de Vigan. Lo stile è netto, incisivo, ed il contenuto è impudico: si tratta di materiale autobiografico e narra vicende davvero scabrose. La storia è quella di Lucile, la madre della scrittrice che, da subito, conosciamo grazie all'immagine di copertina: una donna evidentemente bellissima. Lucile si tolse la vita nel 2008, a poco più di sessant'anni, dopo vari internamenti in manicomio, cure per correggere il suo bipolarismo, un matrimonio fallito, due figlie messe al mondo che non aveva potuto crescere. In questo libro si racconta di lei: di una ragazza che aveva letto molti libri e che amava la vita, finchè qualcosa andò in pezzi dentro la sua testa, segnando irrimediabilmente anche l'esistenza di chi l'aveva amata. Un destino già scritto? La pazzia come malattia ereditaria? Oppure vicende familiari tenute nascoste? Chi legge avverte di stare entrando in una storia intima, privatissima: le estati nella casa di Pierremont, le giornate passate a cucinare e a fare conserve, i bisticci dei nipoti, le ansie, le incomprensioni. Ma, mentre procede attraverso le pagine, vede anche aprirsi un mondo che somiglia a mille altri. Le regole delle famiglie patriarcali, gli abusi, l'amore che non è mai come dovrebbe essere. Ecco cosa provoca il turbamento che si prova appena s'inizia a leggere il libro: è che, quasi sempre, non vogliamo vedere, non vogliamo sapere. Ed ecco, allora, la grande forza di questo testo, che s'impone malgrado tutto e che, sostanzialmente, ci obbliga a ricordare e a vedere anche nelle nostre vite. . "La mia famiglia incarna quel che la gioia ha di più chiassoso, di più spettacolare, l'eco instancabile dei morti, e il rumore del disastro. Oggi so pure che illustra, come tante altre famiglie, il potere devastante della parola, e quello del silenzio".

Commenti

Post più popolari